L’ARGENTINA prova sulla sua pelle quanto il debito pubblico non sia un’invenzione e quanto danno generazionale possa fare un indebitamento sconsiderato

<Wikipedia>: 41M ab. Notevole libertà di religione (art. 14 della Costituzione) anche se la Chiesa cattolica ha uno status giuridico privilegiato con l’art.2 che consente al governo federale di sostenere la Chiesa cattolica paragonandola, ai sensi del Codice Civile, ad un ente di diritto pubblico non statale. Il governo argentino e la Santa Sede hanno firmato un Concordato.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 04/06/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: impennata dell’indebitamento IT sconsiderato; Pubblica Aministrazione nazionale, misure economiche

 

2018.05.04 <repubblica> Argentina nel ciclone: vola l'inflazione, crolla il peso e la Banca centrale porta i tassi al 40%. Mossa clamorosa della Banca centrale, che per la terza volta in una settimana ritocca i tassi a livelli record. Intanto i prezzi galoppano al 25%. Il governo Macrì chiamato a riforme immediate e profonde, ma gli investitori stanno perdendo la pazienza.

 

↑2017.03.10 <avvenire>: Argentina: boom della povertà: 13 milioni ridotti in miseria: gli indigenti sono aumentati di 1,5 milioni in nove mesi. Non accadeva dal 2002. [CzzC: abbiamo milioni di Italiani fissati nella convinzione che sarebbe meglio tornare alla lira onde abbattere il nostro immane debito pubblico svalutandola ogni 3-4 anni, quasi come ha fatto l'Argentina: vogliano considerare cosa succede quando uno stato va in default col debito pubblico buggerando i prestatori internazionali]

 

↑2014.12.21 Sono richiesto da NC di parere su questo video di Giovanni Sandi/signoraggio.net che ritiene che il debito pubblico sia un’invenzione. Magari fosse un’invenzione! E’ purtroppo la somma dei deficit accumulati negli anni, in analogia a quello che varrebbe per una famiglia o un’azienda; il creditore di tale debito è chi ha prestato i soldi comperando BOT, cioè i cittadini (soprattutto italiani), i fondi comuni e assicurativi, alcune banche, tra cui, ma solo in parte, la Bankit, e più avanti sarà anche la BCE; se lo stato fallisse vaporizzando in tutto o in parte i suoi debiti, a rimetterci sarebbero i prestatori: i piccoli nazionali sarebbero semplicemente buggerati, i grossi internazionali ce la farebbero pagar cara: vedi Argentina.

 

↑2015.10.16 <kevideo>: Argentina: femministe assaltano cattedrale a seno nudo, lanciando assorbenti usati su un gruppo di ragazzi cattolici che, in piedi e immobili davanti l’ingresso della chiesa, impedivano loro di entrare. È successo durante il trentesimo incontro nazionale delle donne, lo scorso 11 ottobre, in Argentina. [CzzC: attenzione ad impedire, ad opporsi, perché Galantino ci direbbe «il solo opporsi è sbagliato, non importa contro chi o cosa»]

 

↑2015.mm.gg <Wikipedia>: posti pesanti limiti alla possibilità per i cittadini di acquistare valuta straniera. Scomparsa del mercato nero delle valute contestuale ad una svalutazione nominale del peso di oltre il 40%.

 

↑2014.mm.gg <Wikipedia>: viene resa nota la vera portata dell'inflazione nel paese, e nel luglio dello stesso anno è annunciato un secondo default.

 

↑2003.mm.gg <Wikipedia>:  viene eletto presidente il peronista Néstor Kirchner col quale l'Argentina riesce a ristrutturare il debito in default e a ripianare il debito con il FMI: fu imposto uno sconto del 75% su molte obbligazioni (tale operazione ha poi portato a condanne in tribunali tedeschi e statunitensi).