Referendum NoTRIV 2016.04.18

Sostengo e pratico la salvaguardia del creato non solo con partecipazione emotiva, ma anche ponderando con competenza scolastica (fisica) e professionale (economia e finanza) a ragion veduta i pro/contro del referendum in titolo, propendendo per come appresso intuirai: vedi mio commento 19/03 a Kessler <fb, stradeonline>: le trivelle, il gas naturale e quel referendum inutile.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 15/02/2019; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: idiosincrasia, ideologia ambientalista, NoTav, ambiente naturale, bene comune, acqua, rifiuti

 

↑2016.04.18 <quotidDiPuglia>: Referendum fallito. Bruciati 300M€ di spesa pubblica. Renzi: Gli sconfitti non sono i cittadini che sono andati a votare, ma quei pochissimi consiglieri regionali e qualche presidente di Regione [CzzC: rif innominato governatore della Puglia Michele Emiliano] che ha voluto cavalcare un referendum per esigenze personali politiche. <giornale>: che cosa succede adesso <post; coriere.vid> <sole24h>: affluenza regione per regione [CzzC: idiosincrasia per le trivelle?]

 

↑2016.04.14 <sole24h>: trivelle sì/no: facciamo due conti sul pro e contro per privati stato e regioni nel caso di vittoria del sì o di vittoria del no [CzzC: a fb perplesso: quanti turisti ha perso la Romagna per le piattaforme che si vedono dalla spiaggia? Quanti chimici o fisici professori universitari hanno confermato la scientificità dell'indagine giornalistica che mi linki rispetto ai benchmark di riferimento? Che prove hai per contraddire che l'estrattivo italiano sia tra i meno sporchi del mondo? Dai piloni delle piattaforme italiane in Adriatico si raccolgono ottime cozze pulite e, per quanto non scientifico, conta anche il parere delle migliaia di turisti che le visitano senza sollevare allarmi. Qualunque lavoro sporca, perfino quello di garantiti dipendenti pubblici poco produttivi: l'Italia ha bisogno di crescere almeno quanto basta per dimezzare la disoccupazione giovanile invece di far chiudere le poche aziende che pagano tasse anche per i troppi dp improduttivi. Ingannevoli informazioni che ho sentito alla radio blaterate da referendari come verità assolute mi aiutano ad alzare la soglia di diffidenza.]

 

↑2016.04.gg annotare qui l’invito ad andare a votare espresso da curiali di Trento

 

↑2016.04.11 <sole24h>: Il presidente della Consulta Paolo Grossi: «Al referendum trivelle si deve votare». [CzzC: se ciò avesse detto a titolo personale, sarebbe scusabile come tante leggerezze che pullulano in merito, ma se l’avesse detto a titolo istituzionale, meriterebbe una rettifica dal Presidente della Repubblica per il “si deve”, distonico rispetto alla costituzione che apposta previde il quorum sui referendum abrogativi, a tutela della democrazia rappresentativa, onde evitare che la maggioranza dei cittadini fiduciosi in tale democrazia, sia vessata da continui referendum azionati da piazzaioli assemblearisti modo ’68 che sanno di poter lucrare brillantina a prescindere dall’esito: il non votare qui è pieno diritto costituzionale; sostenere il dovere di votare un referendum abrogativo sarebbe ideologia di parte: o sbaglio? Nei gg seguenti si mosse Napolitano a disingannare, silente Mattarella: diversa caratura]

 

↑2016.04.11 odo a RadioRai argomentazioni ingannevoli di referendari NoTriv: banalizzano l’impatto dei loro intenti sulla nostra economia (deridono percentuali del 3-5%) e allarmano per inesistenti liberalizzazioni a nuove trivellazioni: come al nucleare. E se anche i Rockefeller <ansa> fossero contro le trivelle? Un motivo in più per non fidarsi delle matrici che da mo’ si arricchiscono sfruttando poveri umani.

 

↑2016.03.31 NoTriv: <unpodimondo>: l’appello di padre Alex Zanotelli per il SÌ al referendum sulle trivelle: “Le ragioni date dai comitati NO TRIV per votare SÌ sono tante: il pericolo di sversamenti di petrolio in mare ... il rischio di movimenti tellurici ... Il Referendum ci offre un’occasione d’oro per dire NO alla politica del governo Renzi di una eccesiva dipendenza dal petrolio e dal carbone per il nostro fabbisogno energetico” [CzzC: male informato, come al solito, caro padre Alex: le trivelle in Adriatico sono per gas non per petrolio, nessuna prova che provochino terremoti, se non ti piace Renzi, cerca altro motivo perché l’IT ha già eliminato prima di lui le centrali a carbone e a petrolio: sono tutte a gas]

 

↑2016.03.29 <notavmammemarco>: Comitato delle associazioni per la Pace e i diritti umani di Rovereto – GaSud – Gas La Sporta – Amtt-notav – Comitato notav Mamme Marco, promuovono per 29/03 all' auditorium del Brione un incontro pubblico con Alex Zanotelli: partendo dall’Enciclica Laudato si', attraverseremo i gravi pericoli idrogeologici che provocherebbe il TAV Brennero-Verona, sfociando in un mare dove le trivellazioni petrolifere mettono inutilmente in pericolo le nostre coste, la fauna, il turismo, la pesca sostenibile. [CzzC: a mio avviso, caro Alex, stai abusando dell’Enciclica, per giochi partitici male informati e male informanti]

 

↑2016.03.19 <fb, stradeonline 19/03/2016>: le trivelle, il gas naturale e quel referendum inutile [CzzC: caro Giovanni Kessler, contro le fisse pregiudiziali di ideologie fanatiche, come l'ambientalite, la bestialite, tutte in rima con sessantonite, poco vale la forza della ragione: c'è solo da sperare che si astengano dall'attentare male fisico a chi si opponesse a loro parole ed opere, come purtroppo han dimostrato di saper fare, sicuri di trovare assolutori anche quando i loro appelli al sabotaggio provocassero danni a persone o a cose, anche perché certa magistratura creativa, soprattutto sedicente democratica, all'occorrenza saprebbe camuffare gli appelli al sabotaggio come se fossero appelli al boicottaggio scevri da male fisico a cose/persone]

 

↑2016.03.14 <affaripubblici>: Benché io sia vicino alle posizioni del M5S rispetto a molte tematiche relative anche all’ambiente mi tocca, per onestà intellettuale e per profonda conoscenza del mondo oil&gas, non essere d’accordo coi referendari anti “trivelle”. Non ripetiamo l’errore commesso sul nucleare.  ... continua

 

↑2016.03.17 <ottimistierazionali>: Un ambientalista di fronte al referendum: siamo tutti ambientalisti: chi di fronte al quesito se interessa o meno la sostenibilità, il rispetto o l’educazione ambientale risponderebbe di no? Forse meno facile e’ essere ambientalisti in maniera non ideologica e liberandosi della sindrome NIMBY.

 

↑2016.03.07 Invitiamo i referendari, che tentano di bloccare le trivellare per il gas in Adriatico, ad ascoltare anche il parere di esperti (ad es. qui), non solo gli umori di ambientalisti privi di fondamento scientifico <G.E. su fb>: Per onestà intellettuale e per profonda conoscenza del mondo oil&gas, mi tocca dissentire sulle prese di posizione relative al referendum sulle "trivelle" (che sono di gas non di petrolio) ... in oltre 60 anni di attività "estrattiva" nessun incidente "inquinante" ha interessato le strutture offshore italiane. Nella vicinissima Croazia avvengono e continueranno ad avvenire perforazioni che potrebbero, in caso di abbandono da parte dell'Italia, arrivare a "succhiare" gas anche dai pozzi italiani ...  Le trivelle non uccidono il turismo: la maggiore concentrazione di piattaforme in Italia si ha davanti alla riviera romagnola; l'estrazione di gas dal mare adriatico non provoca terremoti, come certificato dall’ISPRA (Istituto Superiore Protezione Ambiente)... Il settore offshore italiano è una delle eccellenze in termini di esperienza, know how, occupazionale diretto e di indotto.

 

↑2016.03.gg <meteoweb>: referendum trivelle: la geologa Michela Costa: ecco perche io non andrò a votare e se proprio fossi costretta voterei no

 

↑2013.01.21 Piero Angela: quanto petrolio consuma un filosofo <vid>: