La CARITÀ SPIRITUALE come intesa da Antonio Rosmini, coniugata con la carità intellettuale e materiale

Non è solo la povertà materiale che può rendere gli uomini infelici e reciprocamente lupi, ma anche la povertà intellettuale (sovente semplificata in ignoranza) e la povertà spirituale (sovente semplificata in materialismo).

Corrispondentemente non basta una carità puramente materiale, ma occorre anche quella spirituale E intellettuale, che mi stanno a cuore nel significato che ho appreso da Cristo attraverso il Magistero petrino e dei consacrati a lui strettamente uniti, a partire dalla Deus Caritas est, ma concepita diversamente dalla credenza di quel pastore protestante della serie tv "The Americans": «Noi crediamo nella giustizia sociale, con aggiunta una cucchiaiata di Gesù Cristo».

Da padre di famiglia ed educatore nella scuola ho colto quanto la carità più urgente, soprattutto dove di fame non muore nessuno, sia proprio quella che Rosmini, suscitatore di carità materiale, definiva spirituale ed  intellettuale, che vedo configurarsi essenzialmente come EDUCAZIONE; per questo apprezzo particolarmente la sollecitudine e urgenza che la Chiesa raccomanda a fronte dell’emergenza educativa e della nuova evangelizzazione.

Qualcuno mi riterrà vanesio vedendomi presumere di corrispondere alla suddetta sollecitazione osando anche questa testimonianza digitale attraverso il gruppo di mini-rassegna-stampa in fraterna cristiana trasparenza; mi corregga pure: sarei contento di apprendere come poter fare di meglio o di meno peggio..

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 16/12/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: fede amica della ragione, trascendenza, evangelizzazione, caritativa; emergenza educativa

 

2015.09.01 <avvenire> Ecco le opere di misericordia spirituale e corporale, ricordate da Fr1 nel Giubileo della Misericordia:

LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALE: 1 - Consigliare i dubbiosi; 2 - Insegnare agli ignoranti; 3 - Ammonire i peccatori; 4 - Consolare gli afflitti; 5 - Perdonare le offese; 6 - Sopportare pazientemente le persone moleste; 7 - Pregare Dio per i vivi e per i morti. [CzzC: sintetizzerei ad esempio le opere 5 e 6, per aggiungerne di nuove, ad esempio “educare buoni maestri e difendere dai maestri di odio”]

LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE: 1 - Dar da mangiare agli affamati; 2 - Dar da bere agli assetati; 3 - Vestire gli ignudi; 4 - Alloggiare i pellegrini; 5 - Visitare gli infermi; 6 - Visitare i carcerati; 7 - Seppellire i morti. [CzzC: sintetizzerei le prime 3 opere e ne aggiungerei di nuove, la prima delle quali “dare lavoro ai disoccupati”]

 

↑2013.03.22 Francesco I udienza al corpo diplomatico: «... povertà materiale ... Ma c’è anche un’altra povertà! È la povertà spirituale dei nostri giorni, che riguarda gravemente anche i Paesi considerati più ricchi. È quanto il mio predecessore, il caro e venerato Benedetto XVI, chiama la “dittatura del relativismo”, che lascia ognuno come misura di se stesso e mette in pericolo la convivenza tra gli uomini. E così giungo ad una seconda ragione del mio nome. Francesco d’Assisi ci dice: lavorate per edificare la pace! Ma non vi è vera pace senza verità! Non vi può essere pace vera se ciascuno è la misura di se stesso»

«Non si possono costruire ponti tra gli uomini, dimenticando Dio. Ma vale anche il contrario: non si possono vivere legami veri con Dio, ignorando gli altri».

 

↑2011.11.20 Purtroppo c’è chi sostiene che è solo quella materiale l’unica carità sulla quale saremo giudicati e afferma che la carità è Dio piuttosto che Deus caritas est