Mons BREGANTINI nato/TN1948 sacerdote stimmatino, vescovo dal 1994

<wikipedia>: studiò teologia presso i padri stimmatini in diocesi di Verona e conseguì licenza in storia della Chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana/RM. Dura la sua opposizione alla 'ndrangheta: nel corso del suo episcopato nella diocesi calabrese commina la scomunica a «coloro che fanno abortire la vita dei nostri giovani, uccidendo e sparando, e delle nostre terre, avvelenando i nostri campi», in riferimento alla distruzione da parte delle cosche di alcune serre del Progetto Policoro, promosso dalla CEI.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 15/09/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: consacrati; caritas in veritate, che significa famiglia, giustizia anche snidando mafia-massoneria

 

2018.09.15 ~h21 vedo Vincenzo Linarello di Goel testimoniare su TV2000: la forza della comunità non di singoli eroi, partita da un'anima cristiana nella Locride di Bregantini, coinvolgente chiunque di buona volontà, per un'etica, che non può essere solo giusta, ma anche efficace, tanto da consentire dignitosa remunerazione del lavoro e rapida ricostruzione di quello demolito da attentati mafiosi, perfino partendo con una festa.

 

↑2017.03.27 Esercizi spirituali nella vita quotidiana: “Il fratello venduto riconcilia la famiglia cercando il padre, la storia di Giuseppe (Genesi capp. 37 50). Rovereto 27-28-29 marzo dalle ore 20:00 alle 21:30 chiesa della Sacra Famiglia con monsignor Giancarlo Bregantini arcivescovo di Campobasso Bojano.

 

↑2016.02.01 <iltimone giornale> Mons. Bregantini, uno dei pochi vescovi presenti al Family Day per un «No a questa Cirinnà», forse l'unico. Senza paura di esporsi o di essere criticato dagli altri vescovi; «auspico che la legge passerà al vaglio del capo dello Stato, Sergio Mattarella e che non firmi il decreto: è in contrasto con l'articolo 29 della Costituzione». Eccellenza, perché ha voluto partecipare al Family Day? «Si tratta di una battaglia civica e laica, di una battaglia di dignità necessaria per tre ragioni: prima di tutto perché la famiglia è un valore perenne; secondo, perché le insidie sono cresciute davanti a certe posizioni laiciste di qualche giorno fa; e terzo, perché se noi molliamo sulla famiglia molleremo anche sul piano sociale».

[CzzC: lascio sul Giornale il commento: Grazie Mons. Bregantini per questa bella testimonianza! Non mi dispiacerebbe che fossi tu il nuovo Vescovo atteso a Trento, anche per aiutarci a discernere un po' di confusione catechetica montante incorretta in scuole di formazione dove si insegna, ad esempio, che

- l'ecumenismo funziona meglio a partire dall' «aveva ragione Lutero» quantomeno sulla chiesa democratica

- la particola consacrata quando si spezza "non fa ahi",

la moderna teologia ha ormai acclarato che Gesù fu concepito come tutti gli uomini e capì solo crescendo la missione cui era stato chiamato,

- Rousseau cristiano autentico,

S.Agostino è da maledire in quanto inventore del peccato originale.

Caro Bregantini, ho l'impressione che la tua fede e la tua catechesi siano meno confondenti al riguardo. O sbaglio? Comunque, anche se non verrai Vescovo di Trento, prega per la nostra Diocesi, tua terra natale. Grazie. Ciao.]

 

↑2014.mm.gg <wikipedia>: scrive le meditazioni per la via Crucis che papa Francesco presiede al Colosseo la sera del Venerdì Santo. Lo stesso anno, il 5 luglio, concelebra la messa del Pontefice svoltasi a Campobasso.

 

↑2013.05.11 Mons Bregantini a Rovereto: noi cristiani di fronte alla crisi: una provocazione e una opportunità.

 

↑2013.04.20 <wikipedia>: caldeggia, a nome della CEI, la rielezione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

 

↑2009.12.15 l’Accusa della Chiesa: poca distanza tra boss e massoni. "Non c'è molta distanza tra mafia e Massoneria. Anzi, impressionano le commistioni tra queste due realtà in certi territori". È questa la pesante accusa che arriva da Giuseppe Ferrari, presidente nazionale del Gris, il gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa, a Palermo per un convegno su "Massoneria e Chiesa cattolica: un discernimento ecclesiale sul fenomeno". "Basta leggere i discorsi e le lettere pastorali di vescovi come Micciché, La Piana, Bregantini, o le inchieste che Falcone e Borsellino portavano avanti - spiega Ferrari -, per capire che mafia e Massoneria si sostengono a vicenda".

 

↑2007.mm.gg papa Benedetto XVI lo nomina arcivescovo metropolita di Campobasso-Boiano

 

↑1994.mm.gg papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Locri-Gerace

 

↑1987.mm.gg <wikipedia> si trasferisce a Bari, dove insegna storia della Chiesa presso l'arcidiocesi di Bari-Bitonto nello studentato teologico interreligioso della Puglia.

 

↑1978.07.gg <wikipedia>: viene ordinato presbitero stimmatino nella cattedrale di Crotone; continua fino al 1987 docenza di storia della Chiesa presso il pontificio seminario regionale San Pio X di Catanzaro; è delegato diocesano per la pastorale del lavoro; successivamente viene nominato vicario parrocchiale presso la parrocchia santa Chiara di Crotone e cappellano del carcere circondariale nella stessa città.

 

↑1959.mm.gg Entra nel 1959 nel seminario minore dei padri stimmatini