Hollande fregia con la LEGION D’ONORE il principe saudita: onore alle frustate e decapitazioni?

La spudoratezza del premio in questo caso (funzionale ai contratti d’armi?) provoca indignazione e rifiuti del medesimo così lordato, ad esempio da parte di Sophie Marceau. Altri rifiuti eclatanti nella storia <wikipedia> : gli scienziati Pierre e Marie Curie, la scrittrice George Sand, gli scrittori Simone de Beauvoir e Jean-Paul Sartre, lo scrittore Marcel Aymé, che rifiutò la Legion d'onore con disprezzo, il politico Philippe Séguin, l'economista Thomas Piketty, affermando che non spetta al governo stabilire chi debba essere onorato. Era stata data anche a Harvey Weinstein, poi ritirata per molestie. Legion d’onore ricevettero anche Massimo D’Alema, Emma Bonino, Dario Franceschini, Enrico Letta, Giovanna Melandri, Giuliano Pisapia, Ratzinger, Vittorio Emanuele III di Savoia, Vladimir Putin ...

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 20/04/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: foraggiatori di Isis, salafiti fondamentalisti antidonna pagano velo; si fanno mandare ai vertici di UNHRC; preferiti da lumi

 

2018.04.20 <sole24h huff agi vietatop> Assad ha restituito la legion d’onore conferitagli dalla Francia nel 2001

 

↑2016.03.10 <rainews 24h corriere huffing>: “Lo stesso premio del principe saudita? Mai”. Sophie Marceau, la bella attrice francese, protagonista de “Il tempo delle mele”, ha rifiutato senza mezzi termini la Legion d’Onore, la più alta onorificenza che la Repubblica di Francia riconosce a cittadini francesi e stranieri per alti meriti sia in campo militare che civile. Sophie Marceau ha scritto "Legion d'Onore e decapitazioni": un chiaro riferimento all'attribuzione dell'onorificenza della Repubblica al principe ereditario e primo ministro dell'Arabia Saudita, Mohammed ben Nayef. "Ecco perché l'ho rifiutata" spiega su Twitter l'attrice, indimenticata protagonista de 'Il tempo delle mele' quando era giovanissima - che si è unita ad un'ondata di indignazione che ha visto in prima linea associazioni e intellettuali ...

 

↑2016.03.10 <primato> pochi giorni fa il presidente François Hollande ha decorato in gran segreto con la medaglia della Legion d’Onore il principe ereditario saudita (lumi-prefer?), vice primo ministro del Regno e ministro degli Interni, Mohammed ben Nayef, “per gli sforzi compiuti nella lotta al terrorismo e all’estremismo”. L’imbarazzante riconoscimento non ha mancato di suscitare numerose indignazioni, per la discutibilità della figura di Ben Nayef e della politica portata avanti dall’Arabia Saudita, fregiatasi del primato di ben 70 esecuzioni capitali dall’inizio del 2016