ultima modifica il 14/12/2018

 

Fractio panis pubblicazione di Villa S.Ignazio TN

Correlati: : testate dei Gesuiti, Padre Livio Passalacqua, leadership ignaziana, santità asiatica, Yoga

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Questa pagina non intende surrogare il valore o l'immagine di Fractio panis, il curato mensile che dal 1969 promuove le attività gestite ed ospitate a Villa S. Ignazio TN; peraltro capirai dalla selezione degli articoli, perché tanti fedeli, me compreso, abbiano l’impressione che la pubblicazione in titolo non solo raramente demarchi con leadership ignaziana distanze protestanti dal Magistero petrino e che da questo si smarchi proprio in correlazione con la premura del Magistero di guardarci dal servilismo alla relativistica cultura dominante.

E’ ovvio che ci siano elementi interessanti nei pubblicizzati corsi di relazione e comunicazione (frequentati anche dal mio QS), di prossemica ed empatia, di bioenergetica, di ibridazione degli approcci, di etnomedicina, di etnopsicologia, di etnopsicoterapia, di Polarity Yoga e Costellazioni familiari con Claudia Stricker, di psichiatria transculturale, di cura della psiche e del corpo che “portano a nuovi luoghi di confronto” (peraltro noto in buona parte singolari affinità con ribollite da corsi di marketing, di  sensibilizzazione manageriale, di gestione delle risorse umane, di relazione-cliente, che ho frequentato e tenuto sul lavoro e che sono gettonati anche da Scientology e da vari stili new age); è ovvio che buone cose derivino dalla leadership ignaziana, ma, notando quanta cattedra venga offerta a Vito Mancuso e ad altri inneggianti Leitmotiv del dissenso in ermeneutica di rottura, non possiamo non sentire la distanza col progetto di nuova evangelizzazione che mira ad obiettivi e usa strumenti più specifici per il bene comune additatoci da Gesù figlio di Dio e di Maria Vergine, morto e risorto per la nostra salvezza.

Fractio Panis archivi: 2012, 2013-2014-2015

 

 

27/04
2017

<fondazionesantignazio>: Noi gesuiti andremo via da Trento, ma continuerà l’Opera, la Fondazione sant’Ignazio, che viene considerata un modello apostolico importante ... I padri Mario ed Alberto continueranno a sostenerla ... F.to i padri Livio Passalacqua, Mario Marcolini, Alberto Remondini, Leone Paratore.

21/12
2015

Su Fractio Panis di Dicembre2015p5 P. Livio Passalacqua mi appare minimizzare l'entità degli insegnamenti di odio nell'Islam; mi appare ingannevole e confondente quando sostiene che «i terroristi, creatori di un Corano maggiorato dalla violenza, sono poche decine di migliaia, sostanzialmente isolati nel grande mare del mondo islamico». Dove vedrei inganno? continua

06
2014

Fractio Panis di Giugno2014p9 pubblicizza i corsi estivi nel convento dei cappuccini di Condino_TN con endorsement a Vito Mancuso che a sua volta si auto-pubblicizza: sua la riflessione teologica su Teologia e spiritualità della natura (spunti tratti dall'ikebana e dalla Psicosintesi), mentre Claudia Sticker, specializzatasi a Zurigo e iscritta alla Sicool, intratterrà i meditanti su Polarity Yoga e Costellazioni familiari [CzzC: ovviamente senza confonderci con le costellazioni familiari sciamaniche e i nodi karmici].

11/04
2013

Un lettore di questa pagina, che l’aveva segnalato a Livio Passalacqua assieme alla perplessità nel leggere Fractio panis in confronto al Catechismo, mi gira la risposta di Padre Livio: «Anche tra i primi testimoni vi erano sensibilità diverse (Paolo, Barnaba, Giacomo, Pietro) perché ogni profezia [CzzC: beato lui sedicente profeta], dice lo stesso Paolo, è necessariamente parziale. Il Signore è sempre lo stesso ma gli interrogativi che i tempi recano all'umanità aumentano in forme sempre più accelerate. [CzzC: né il Cv2° né l'attuale Magistero petrinoù, nel promuovere nuova evangelizzazione, mi pare abbiano sdoganato il relativismo cui il tuo occhiolino sembra strizzare quantomeno indulgenza]. Non temere per la ns fede perché, con la grazia di Lui, siamo tradizionalisti bimillenari. Dalla Parola e dalla Tradizione il Concilio ha tentato di trasmettere all'umanità, con un linguaggio attuale, il messaggio. Il catechismo romano, ha avuto il compito di tradurre in forma più concisa. Nel frattempo nuovi drammi ci interpellano e il Signore si servirà anche di questi per farsi capire sempre più nel suo meraviglioso progetto. Buon cammino! Tuo p. Livio»

 

23/02
2013

Fractio Panis 2013-Feb-Mar

pag 2: Padre Passalacqua: “il nostro baricentro è fuori di noi [CzzC: pensavo che pensasse a Dio], la cooperativa lavora a servizio della persona, nello spirito ignaziano della cura personalis ed in quello centrato sulla persona della psicologia umanistica … e lo Statuto non si ferma alla persona genericamente intesa, ma specifica che i servizi sono a vantaggio di soggetti in difficoltà, socialmente svantaggiati, sono loro i nostri padroni[CzzC: pensavo che nostro padrone fosse Gesù, e che Dio è carità, non che la carità è Dio].

pag 3, catechesi per Quaresima 2013: «Gesù nel suo insegnamento dice: “Misericordia io voglio e non sacrifici” (Mt 12,7). I sacrifici centrano l’uomo su se stesso, sulla propria perfezione spirituale, la misericordia orienta l’uomo al bene del fratello. Sacrifici, penitenze, mortificazioni infatti non fanno che centrare l’uomo su se stesso e nulla può essere più pericoloso e letale di questo atteggiamento. [CzzC: userei le parole di Padre Raniero Cantalamessa su Mt 12,7 per ricordare a questo solone senza firma che «non c'è amore senza sacrificio. In questo senso, Paolo ci esorta a fare dell'intera nostra vita "un sacrificio vivente, santo e gradito a Dio"» altrimenti «di questo passo si può arrivare a rigettare tutto l'aspetto ascetico del cristianesimo»,]. La Quaresima non è orientata al venerdì santo, ma alla Pasqua di risurrezione. [CzzC: altro che et- et come ci insegna il Magistero petrino forse superato da certa leadership ignaziana]. Per questo non è tempo di mortificazioni, ma di vivificazioni. Si tratta di scoprire forme nuove, originali, inedite, di perdono» [CzzC: perdono inedito anche verso di te, caro anonimo confondente. All’Ufficio catechistico diocesano CHIEDO AIUTO al discernimento in merito].

pag 23 descrive le iniziative in Bolivia (realizzate grazie al gesuita trentino p. Fabio Garbari) e in Brasile (F.Bernardo da Silva), disquisendo di «équipe socio-psico- pedagogiche ... corsi di formazione e aggiornamento per tutti gli operatori delle realtà sociali» e annunciando che «in primavera un gruppo di amici brasiliani verrà a Trento per confrontarsi e individuare modalità e strategie»: [CzzC: su 368 parole non ne ricorre una che suoni Dio, Gesù, Cristo, cristianesimo, Chiesa, fede, speranza, carità, grazia, amore, perdono, preghiera, comunità, ragione ...]

12
2012

Fractio panis Dicembre 2012: [CzzC: ho ancora da commentare diverse pagine]

pag 9 critiche di Fractio panis al progetto di nuova evangelizzazione. Il Padre Generale dei Gesuiti, Adolfo Nicolàs, ha partecipato al recente Sinodo dei Vescovi e risponde ... marcando quelle che ritiene «insufficienze» del Sinodo: «Mancanza di riflessione sulla Prima Evangelizzazione... poca consapevolezza e/o conoscenza della storia dell’evangelizzazione» e «con piacere»  passa a trattare della «santità “asiatica”» [CzzC: ho in cantiere una pagina su santità asiatica, su induismo e buddismo per aiutare a discernere in merito] e sul «perché i missionari non siano stati capaci di “vedere” questi meravigliosi segni come opera di Dio» ... «Ma io non ho una teoria della salvezza»