ALESSANDRO D’AVENIA, prof appassionato di educazione

1977 Wikipedia: scrittore, sceneggiatore e professore italiano; di gran successo due suoi romanzi, Bianca come il latte, rossa come il sangue (2010) e Cose che nessuno sa (2011). Suo sito ufficiale http://www.profduepuntozero.it

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 21/02/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: non basta istruzione, occorre educazione, comunità educante, conoscenza stupore

 

2020.02.10 sulla benignesca rappresentazione del Cantico dei Cantici odo il commento del rabbino Vittorio Robiati Bendaud: uso strumentale e indebito di parti della scrittura contro altre parti della medesima; pretendere di far dire al testo ciò che chiaramente non afferma. [CzzC: lo riassumo qui, commentando a mia volta lo showbiz di Benigni con tassa pagata al politicamente corretto; radici giudaico-cristiane alterate per produrre linfa grata allo spirito del mondo in cultura dominante, cui sarebbero arrendevoli anche certi dirigenti della pastorale. Fischieranno le orecchie a plaudenti di serie R.Virgili su Avvenire, Lidia Maggi e (meno ingenuo) Ravasi? Annoto anche il commento di Raffaele Bonanni, Enzo Bianchi, l'acuto di Luigino Bruni (stupendo!), Alessandro D'Avenia <corriere>: il Cantico non è un inno a «fare l’amore», come Roberto Benigni ha fatto intendere a Sanremo, ma a «fare spazio all’Amore».

 

↑2012.09.10 Inizio dell’anno scolastico: il primo giorno che vorrei

 

↑2012.03.02 In oltre 400 ad ascoltarlo a TN; qui gli appunti che ho preso durante la sua conferenza, coinvolgente e convincente; tantissimi i giovani presenti.

 

↑2011.03.02 All’uscita della conferenza un amico commentò che D’Avenia non aveva nominato Cristo, ma la sua presenza era pregnante in ogni passaggio della sua testimonianza. E non a caso: leggi questa sua Fare il ritratto di Dio.