modificato 12/12/2016

I 5 più grandi persecutori dei cristiani oggi

Correlati: Perseguitati anche nei paesi ex “cristiani”; oblio e negazionismo, Isis, Pakistan, Wahhabiti, rapporti sui perseguitati; WWL di Open Doors

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

I cristiani sono il gruppo religioso più ampiamente perseguitato nel mondo e questa persecuzione è collegata in larga parte all'impegno della Chiesa per la libertà. Inarrestabile il terrorismo se culliamo regimi che uccidono abiuri e blasfemi

 

 

Traggo da Il Sussidiario 10/01/2014

 

I cristiani sono il gruppo religioso più ampiamente perseguitato nel mondo e questa persecuzione è collegata in larga parte all'impegno della Chiesa per la libertà". Lo afferma Paul Marshall, un professore americano dell'Hudson Institute e autore di sette libri sulle persecuzioni anti-cristiane nel mondo. Ultimamente il professor Marshall sta lavorando a un nuovo saggio dal titolo ''Chi perseguita i cristiani e perché?", per fare il punto su una situazione globale spesso ignorata dai media, dalla persecuzione e le torture inflitte ai cristiani in Eritrea, all'uccisione di migliaia di cristiani da parte dei terroristi in Nigeria e alla campagna di Al-Shabaab in Somalia per cancellare i cristiani nel loro territorio. [CzzC: come anche in Siria]. Il professor Marshall ha accettato di parlarne in anteprima con ilsussidiario.net

 

Chi c;è dietro la persecuzione contro ì cristiani nel mondo?

In questa persecuzione si possono riscontrare cinque principali versioni:

- i Paesi rimasti comunisti;

- gli Stati autoritari;

- il nazionalismo religioso nell'Asia meridionale;

- l'estremismo islamico, il più diffuso ora e in via di crescita

- il secolarismo occidentale, che non è certamente allo stesso livello né così estremo come gli altri quattro, ma che sta crescendo anche in Paesi che hanno una storia di rispetto della libertà religiosa e che perciò va anch'esso citato.

 

Recentemente Papa Francesco ha dichiarato che l'attuale persecuzione contro i cristiani è peggiore di quella dei primi secoli del cristianesimo. E' d'accordo con questa affermazione?

Trovo difficile dare una risposta a questa domanda, perché il numero dei cristiani e la loro diffusione è oggi di gran lunga più grande che nei primi secoli e quindi le due situazioni sono difficili da paragonare. Con questa premessa, possiamo senz'altro dire che attualmente sono molti di più cristiani perseguitati e anche molti di più i luoghi dove la persecuzione avviene. La persecuzione dei cristiani in molti Paesi sembra essere dimenticata dai media.

 

Secondo lei, quale è la più grave tra queste persecuzioni di cui meno si parla?

Ce ne sono così tante che è difficile enuclearne una. La persecuzione e le torture inflitte ai cristiani in Eritrea, l'uccisione di migliaia di cristiani da parte dei terroristi in Nigeria e la campagna di Al-Shabaab in Somalia per cancellare i cristiani nel loro territorio, rappresentano senza dubbio tre casi di scarsa attenzione dei media. Ma se ne potrebbero citare molti altri. [CzzC: ad esempio in Siria, dove il massacro di cristiani passa in secondo piano rispetto alle questioni geopolitiche care all’Obama indaffarato con gli oil-dollari sunniti ancorché grondanti sacrificio di diritti umani: pecunia non olet].

 

Il fondamentalismo islamico è una delle cause principali di queste persecuzioni. Si tratta solo di fanatismo religioso, o è una precisa strategia?

Per alcuni si tratta solo di fanatismo, ma in questi gruppi terroristici il fanatismo si accompagna all'obiettivo di uccidere, espellere o convertire tutti i cristiani che possono.

 

Qual è la situazione dei cristiani in Cina?

In Cina non si hanno le uccisioni che si vedono in Nigeria, o gli attacchi alle chiese che avvengono in Egitto, ma la situazione è comunque molto grave, dato che coinvolge più di settanta milioni di cristiani nel Paese. La Chiesa cattolica lì è illegale, in quanto riconosce una autorità straniera, il Papa. E gli arresti di preti cattolici e di pastori protestanti continuano.

 

Dietro le persecuzioni contro i cristiani si possono anche individuare lobby occidentali o poteri finanziari?

No, che io sappia. Tuttavia, in Occidente sta aumentando un secolarismo aggressivo che porta ad ostilità e restrizioni versoi cristiani. E'una situazione molto preoccupante. [CzzC: a mio avviso la risposta è sì quantomeno indirettamente: se non sono attori diretti della persecuzioni (in Messico coi Cristeros lo furono), certe lobby affaristiche occidentali di fatto sono complici di regimi persecutori di cristiani quantomeno perché esse si guardano bene dal denunciare le relative violazioni dei diritti umani per non avere ritorsioni sulle commesse: un po’ come i banchieri svizzeri senza batter ciglio facevano affari con i soldi che Hitler aveva depredato agli ebrei o che i Turchi avevano depredato agli Armeni].

 

La situazione dei cristiani a Cuba è cambiata, e come, sotto il governo di Raul Castro?

C'è stato un leggero allentamento nei controlli, ma la situazione rimane fondamentalmente la stessa.

 

(Pietro Vernizzi)

 

© Riproduzione Riservata.