CRISTO SORGENTE DELL’AFFEZIONE: affezione e dimora – libri dello spirito cristiano – BUR

sulla nostra affettività cosa possiamo costruire di stabile, di sicuro? Che conto si può fare sulla fedeltà, sulla lealtà? Ma è accaduto che il mistero di Dio è venuto tra noi, ha preso questa nostra fragilità e, non solo non l'ha scartata, ma ...

<scritti download.doc> «Cristo sorgente dell'affezione», perché se Cristo è il Salvatore e se ...

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 08/09/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: il cuore dell’uomo; avvenimento e responsabilità nell’esperienza con la Chiesa; il rischio educativo, sfida ed emergenza educativa, scholas

 

sulla nostra affettività cosa possiamo costruire di stabile, di sicuro? È la grande domanda che si può fare su qualsiasi nostro impeto umano: che conto si può fare sulla fedeltà, sulla lealtà?

Ma è accaduto che il mistero di Dio è venuto tra noi, ha preso questa nostra fragilità e, non solo non l'ha scartata,

 

 

Quasi TISCHREDEN

 

Uno che si decide a far famiglia, lo fa costruendo sulla capacità affettiva propria e dell'altro. Ma il mondo scarta la nostra capacità affettiva, che è la cosa più fragile in noi; tende a ridurla a un'istintività. E così si fa famiglia per altri motivi che non per evolvere la capacità affettiva: per tornaconto, per essere serviti, per i soldi, perché piace.

Però, anche se prendiamo sul serio la nostra affettività - che è il meglio di noi: quando ci si guarda con amicizia, con simpatia, si capisce che è il meglio di noi! -, a un certo punto ci troviamo di fronte a un'incapacità drammatica: sulla nostra affettività cosa possiamo costruire di stabile, di sicuro? È la grande domanda che si può fare su qualsiasi nostro impeto umano: che conto si può fare sulla fedeltà, sulla lealtà?

Ma è accaduto che il mistero di Dio è venuto tra noi, ha preso questa nostra fragilità e, non solo non l'ha scartata, ma ha tolto da essa la sua incapacità ultima; la rende capace di gratuità e su di essa costruisce l'opera nuova, una umanità nuova. Costruisce un'amicizia: un rapporto tra l'uomo e la donna, una casa, una dimora, una società, un'epoca diversi.

 

Luigi Giussani nasce a Desio nel 1922. Compie i suoi studi pres­so la facoltà Teologica di Venegono, nella quale insegnerà per alcuni anni, specializzandosi sulla teologia protestante americana e la motivazione razionale dell'adesione alla fede e alla Chiesa. Negli anni Cinquanta lascia l'insegnamento in seminario per quel­lo nelle scuole superiori. Dal 1964 al 1990 insegna Introduzione alla Teologia all'Università.Cattolica di Milano. È autore di numerosi saggi; tra i più recenti: // senso di Dio e l'uomo moderno (1994), Si può vivere così? (1994), Alla ricerca del volto umano (1995), // tempo e il tempio (1995), // rischio educativo (1995), // senso religioso (1997), Generare tracce nella storia del mondo (1998), L'attrattiva Gesù (1999), L'io, il potere, le opere (2000), L’autocoscienza del cosmo (2000), Che cos'è l'uomo perché te ne curi? (2000). Dalla metà degli anni Cinquanta dà vita al movimento di Comunione e Liberazione, oggi presente in Italia e in sessanta­sette Paesi in tutto il mondo.

 

In copertina: Henri Matisse, Tangeri: paesaggio visto da una finestra (1912). Mosca, Museo Puskin. © Henri Matisse. SIAE 2001.

ISBN 88-17-12640-3

www.rizzoli.rcslibri.it rcs-libri@rcs-web.it

 

2021.09.02 <clonline> Enrico Ruggeri: durante un viaggio in auto, il popolare cantante ascolta per radio l'incontro di Javier Prades sul titolo del Meeting 2021 (qui il testo qui video♫20'). «L'ho ascoltato fino alla fine»; sorpreso e colpito, spiega il cantautore italiano, classe 1957, tanto da fare un post su Twitter subito dopo: «Da Kierkegaard a Pirandello fino ai Queen, tra domande esistenziali, filosofia, attualità. Il mondo non è solo carta velina». Kierkegaard segnalava l'esigenza che, per una comunicazione del vero, occorre una persona che si gioca nel comunicare l’avvenuta comprensione di quella verità, in una relazione di fiducia, non "uno o nessuno o centomila". <♫46'> il volto. <♫49'> Edith Stein l'autocoscienza dell'io. <♫51'> il donarsi di Hans Urs von Balthasar <♫52'> l'io dalle radici ebreo-cristiane: Dio è venuto incontro all'uomo / Abramo. <♫58'> Gesù di Nazaret: la verità coincide con la persona. <♫1h09'> il coraggio, la determinazione che nasce da una simpatia, io-noi&popolo, chiesa, moralità generativa non convenzionale, testimonianza, ragione, giudizio affezione libertà anche di educare.