Il MUSLIM BAN di Trump aiuta l'Isis con questa sua modalità da incauto e gradasso

<tpi 2017.01.31>: l'ordine esecutivo che restringe l'accesso negli Us per i musulmani provenienti da sette paesi, rischia di diventare un potente strumento di propaganda in favore dell'Isis. «Si inserisce nella loro propaganda e rende chiaro, per chiunque si trovi in dubbio, che c'è in atto una guerra contro l'Islam e i musulmani», ha spiegato l'ex jihadista Abu Abdullah alla Cnn, sostenendo che il provvedimento non fa altro che rafforzare la “narrazione” dell'Isis. Un altro ex jihadista ha evidenziato che la frattura tra i musulmani che vivono in occidente e i governi dei loro paesi è esattamente quello che l'Isis vuole. “Sui social media in questo momento ci sono molte persone che citano Anwar al-Awlaki – un rappresentante di al Qaeda nella penisola araba, ucciso in un raid del 2011 in Yemen – e il suo ultimo discorso, in cui ha detto che l'America si sarebbe schierata contro i musulmani”, ha detto Abu Obaida, un ex foreign fighter britannico che faceva parte del gruppo estremista di Jabhat al Nusra in Siria.

Trump è la caricatura del crociato malvagio di cui loro vogliono provare l'esistenza", ha detto Charlie Winter  ... continua.

[CzzC: Trump, fatti consigliare meglio! O trascinerai Us e Pesi Nato in una politica estera più dannosa di quella con cui ci penalizzò il masso Nobel pace]

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 13/08/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: chi foraggia Isis? Obama ammise inciucio/lfb; Jihad, Allah akbar, mandatorio danni

 

↑2017.01.31 <telegraph> il muslim ban di Trump impedisce di entrare in US a Vian Dakhil <fb youtube et tw raw>: nel parlamento iracheno (unica deputata femminile) rappresenta il suo popolo, gli Yazidi; ha testimoniato <guardian> delle donne Yazidi rapite, torturate, stuprate dalle belve Isis ...

 

↑2017.01.31 <huffingt>: il Muslim ban, è il primo grande errore di Donald Trump. Ha sbagliato nei tempi e nei modi, misurandosi per la prima volta con le difficoltà intrinseche alla governance politica, che è tema assai più delicato e sensibile di un piano aziendale.