Il FORTETO di Fiesoli: da 68ttina famiglia alternativa sublimata da sinistra, a setta di abusi e orrori?

Per anni il Forteto fu esibito come positivo esempio di famiglia alternativa a quella che il mainstream si propone di scardinare perché stereotipo del passato: tra i suoi difensori e/o sublimanti troveremmo Giuliano Pisapia, Antonio Di Pietro, cadudem (anche Rosy Bindi?), magistrati, sindacalisti, assistenti sociali, VIP dello spettacolo, accomunabili da nostalgie 68ttine.

<wikipedia>: creata nel Mugello nel 1977 da Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi con l'obiettivo di essere una comunità produttiva e alternativa alla famiglia tradizionale in nome (a loro dire) di don Milani e delle teorie di Gian Paolo Meucci. Rodolfo Fiesoli viene condannato per atti di libidine violenta e corruzione di minorenne con alterne vicende processuali grazie anche alla difesa da parte di Gian Paolo Meucci, Ernesto Balducci e ...

Vedi anche: il Forteto- catastrofe del cattocomunismo

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 06/04/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: matrici della cultura dominante; scardinare; tanto peggio per la realtà; educazione? Sinistre analogie con Bibbiano?

 

2021.04.05 traggo da fb in tema di pedofilia tollerata dai potenti: molti intellettuali progressisti, da Jean-Jacques Rousseau che scrisse di essersi comprato una bambina di dieci anni, all’europarlamentare Daniel Cohn-Bendit, hanno avuto un cattivo rapporto con il sesso dei bambini: nel 1977 il quotidiano “Libèration” trovò l’occasione di pubblicare il “Manifesto in difesa della pedofilia”, firmato da Louis Aragon, Simone de Beauvoir, Michel Foucault, Jack Lang, Bernard Kouchner (fondatore di Medici Senza Frontiere), Jean-Paul Sartre. Nacquero riviste che chiesero  la depenalizzazione della pedofilia in nome della “liberazione dalle pastoie borghesi” per il “bene del bambino”.

Teorie che, a partire dal 1978, furono applicate per decenni nella comunità agricola della Legacoop: “Il Forteto di Vicchio ?

 

2020.09.22 Il Forteto su <crimeInvestigation yt1 yt2 yt3> Nel 1983 Marika Corso ha otto anni e viene portata alla comunità de Il Forteto dai servizi sociali,  perché subiva maltrattamenti nella sua famiglia d'origine. Ma invece di amore e serenità, trova ad aspettarla violenza, abusi fisici e psicologici. Lei sarà una dei primi fuoriusciti dalla setta che hanno avuto il coraggio di denunciare. [CzzC: le fiction possono aiutare a diffondere la conoscenza di fatti accaduti, ma attenzione a non berle come verità assoluta di tali accadimenti]

 

2019.07.28 <fb> conclamato il caso Bibbiano, dimenticato il Forteto? Forse perché erano più variegati i politici collegati? Fiesoli, fondatore del Forteto, era stato accusato di abusi sessuali su minore disabile già nel 1978.11.30, ma il 1979.06.10 usciva dal carcere e gli veniva subito affidato un altro bambino. Da allora tra i personaggi che frequentavano la comunità agricola della Legacoop (copiosi  contributi pubblici tra il 1997 e il 2010), troviamo: Piero Fassino, Vittoria Franco, Susanna Camusso, Rosi Bindi, Livia Turco, Antonio Di Pietro che in seguito interrogato dalla commissione d’inchiesta si dichiarerà smemorato, Tina Anselmi, Michele Gesualdi (presidente della provincia si Firenze), senza dimenticare Giuliano Pisapia, nel 1985 difensore di Rodolfo Fiesoli in Cassazione, che nel 1998 ebbe l’incarico di membro del comitato scientifico del 'Forteto Onlus: tutti zitti. A distanza di quarant’anni un nuovo processo contro Fiesoli e altri 22 indagati per violenze su minori si concluse con 17 condanne in via definitiva. Dimenticato perché ?

 

↑2019.06.19 <nazione, corriere, blondet> La corte d'appello di Firenze ha assolto in appello Rodolfo Fiesoli nel cosiddetto "Fiesoli bis", un procedimento che vede il 'profeta' accusato di violenze sessuali simili a quelle del processo principale, ma ai danni di un solo minore che frequentava saltuariamente la comunità' di Vicchio, la cui denuncia era arrivata successivamente a tutte le altre.

 

↑2017.12.23 <corr huff Firenze fattoq> la sentenza definitiva per Fiesoli, condannato a oltre 15 anni per le violenze sugli ospiti del centro. Aveva già subito una condanna per reati sessuali alla fine degli anni ‘80 ma incredibilmente continuava a ricevere i giovani in affido. Mai partita la commissione d’inchiesta. [CzzC: un sinistro tacer che parla?]

 

↑2016.07.06 <repubblica> Forteto 11 indagati per falsa testimonianza: la richiesta di revisione del processo, sostenuta dall’avvocato Giuliano Pisapia, fu respinta dalla Cassazione. Nel 2000 la Corte europea dei diritti dell’uomo condannò l’Italia perché venivano ostacolati i rapporti fra due fratellini affidati al Forteto e la loro madre. E la sentenza ricordava la precedente condanna di Fiesoli e Goffredi.  continua

 

↑2015.06.20 <alfredodecclesia>: il Fiesoli/Forteto difeso dalla sinistra: Dal Forteto è transitata anche Rosy Bindi, che nel 2007, sul mensile Social News, gettava acqua sul fuoco: "In realtà il fenomeno della scomparsa dei minori, se pur da tenere sotto osservazione e controllo, va ridimensionato alla luce di un'attenta lettura dei dati a disposizione". [CzzC: la Bindi però nega nega <corriere> di essere mai stata al Forteto]

 

↑2015.08.28 <imolaoggi>: la vicenda Forteto ricostruita in un libro inchiesta: Setta di Stato, bambini affidati, abusi, <youtube> “amici potenti” dagli autori, F. Pini e D.Tronci: la comune era nata a seguito della contestazione sessantottina ad opera del guru Rodolfo Fiesoli, assieme all’inseparabile Luigi Goffredi; si è svelata col tempo un giardino degli orrori in cui si sono verificati abusi sessuali, minori schiavizzati, punizioni corporali <lanazione2013.01.17> <affaritaliani2016.10.10>

 

↑2015.06.20 <inkiesta>: Abusi e maltrattamenti, ecco la comunità modello del “profeta” toscano

L’ultima opera di Fiesoli del 2010 vanta, “Fili e nodi” pure una prefazione firmata da Antonio Di Pietro che, guardacaso, entra in parlamento nel 1997 candidandosi proprio nel collegio 3 della circoscrizione Toscana, cioè nel Mugello.

 

↑2015.06.17 wikipedia>: Fiesoli è condannato a 17,5 anni di reclusione per maltrattamenti e abusi sessuali, pena ridotta nel 2016.07 in 2° grado a 15 anni e 10 mesi.

 

↑2013.10.gg <wikipedia>: inizia il processo a Fiesoli/Forteto su un caso divenuto nazionale, che porterà alla condanna di Fiesoli nel 2015 per maltrattamenti e abusi sessuali

 

↑2013.01.16 <blitzq> C’è chi definisce la comunità di Fiesoli una “cassaforte di voti della sinistra”. “Il Forteto”, come ricorda Il Corriere della Sera, è una coop agricola che per quasi 30 anni è stata considerata da tutti (istituzioni, Regione Toscana, sinistra, cadudem, settori della magistratura) una delle strutture d’eccellenza in cui andavano a far visita politici, sindacalisti, magistrati. E proprio per questa “passione” della politica (soprattutto di sinistra) gli sono stati girati per decenni contributi pubblici a sei zeri (1 milione e 200 mila euro in 13 anni).

 

↑2011.12.20 <wikipedia>: in seguito alla denuncia di numerose persone, Fiesoli viene nuovamente arrestato

 

↑2011.06.16 <corriere> Rosy Bindi nega di essere mai stata al Forteto; in compenso Bruno Vespa in un Porta a Porta del 2002, dedicata alla comunità di Vicchio, disse: «In sei anni di Porta a Porta ci siamo occupati tante volte di minori, ma non abbiamo mai subito tante pressioni (come, ndr) per non occuparci di questa vicenda del Forteto».]

 

↑1985.mm.gg <wikipedia>: Rodolfo Fiesoli viene condannato per atti di libidine violenta e corruzione di minorenne. Successivamente, soprattutto grazie alla difesa di Fiesoli da parte di Gian Paolo Meucci, Ernesto Balducci e altri, la condanna non ebbe effetti pratici e Il Forteto diventerà un importante interlocutore della Regione Toscana.