CORRIDOI UMANITARI valdo-egidi: eccellenza per i beneficiati e per l’immagine dei benefattori: anche a costi così elevati da depauperare gli esclusi?

quelli azionati da Valdesi e S.Egidio sarebbero un modello eccellente se avessimo le risorse sufficienti per applicarlo all’accoglienza di gran parte dei profughi, altrimenti ci domanderemmo se l’eccellenza per i pochi beneficiati sia sostenuta più per l’immagine dei benefattori che per il sollievo dell’immane bisogno dei profughi, dei quali, a pari costi di mezzi e tempo, se ne potrebbero aiutare più numerosi e magari anche in loco. Va comunque plauso al BUON ESEMPIO, con l’auspicio che s’incrementi in congruenza di rapporto costi/benefici e in trasparenza del criterio selezionante inclusi/esclusi; e, comunque, dissiperei il sospetto di “perseguimento immagine” dalla comunità di Sant’Egidio, meno dai Valdesi di serie Bonafede o di serie pubblicità comparativa.

Occorre discernere quello in titolo da ALTRI CORRIDOI UMANITARI, seppure analoghi per scopo

- i corridoi umanitari a gestione internazionale <studiperlapace.it 1988> conformi alla risoluzione ONU che tratta dell’ingerenza umanitaria

- i corridoi umanitari aperti da forze governative, ad esempio in Aleppo e Ghuta, per sottrarre agli artigli dei jihadisti le persone da loro vessate ed usate come scudi umani, terroristi che impedirono fino all’ultimo la fuga dei terrorizzati, anche sparando su di loro e sui bus che li portavano via.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 11/05/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: accoglienza dei profughi, Maria Bonafede/Valdese

 

2018.05.07 <oraprosiria> mons Abou Khazen, francescano, vicario apostolico di Aleppo: solo cessando la guerra i giovani torneranno ... si dovrebbe aiutare la gente a restare e in questo senso purtroppo i corridoi umanitari sono un invito a lasciare il Paese.

 

↑2017.02.21 <sole24h>: Migranti, boom di sbarchi: +44% rispetto a un anno fa. Gli immigrati in arrivo sono in gran parte della Guinea (1.657), Costa d’Avorio (1.303), Nigeria (1.099), Senegal (948) e Gambia (793). Corridoi umanitari con la Comunità di Sant'Egidio (1000 da Libano e Marocco) e con la CEI (500 profughi dall'Eritrea)

 

↑2016.03.06 <luterani, riformati> Maria Bonafede arriva a Fiumicino con la delegazione FCEI x accogliere la famiglia Al Hourani, profughi siriani in Libano, i primi ad arrivare in sicurezza grazie al corridoio umanitario istituito insieme a SantEgidio. [CzzC: è doveroso non solo cristianamente il soccorso ai profughi, e mi associo al Papa per lodare questo dei corridoi umanitari come esempio incoraggiante anche per i laicisti, pur se pro capite è forse costato quanto costerebbe aiutare nei campi profughi in Libano un gruppo di bisognosi n volte tanto con n>1cifra, scontato il viaggio gratis offerto stavolta da Alitalia, e dunque occorresse discernere tra efficienza caritativa ed immagine]