Bombe atomiche francesi

La chiamano eufemisticamente Force de frappe <wikipedia> (Force de dissuasion nucléaire française), in realtà l’atomica francese sarebbe brandita, ben più che a difesa, a supporto dell’arrogante neocolonialismo con cui sedicenti illuminati si impongono in Africa e Medio Oriente anche ai danni di alleati come l’Italia, imponenza che non sarebbe altrimenti possibile né per il relativo Pil, né per la relativa capacità diplomatica apparsa nel tempo tutt’altro che saggia (vedi guerra in Algeria, collusione con regimi anche criminali, devastazione della Libia, ciniche forniture di armi a Paesi vessatori di diritti umani, ingerenza in Siria pro terroristi definiti ribelli moderati purché contro quell’Assad che non assecondò la sorveglianza francese su quell’area come avrebbero voluti i suddetti lumi dagli accordi di Sykes-Picot/1916.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 31/03/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: franco CFA in Africa; neocolonialismo, massoneria francese e africana; schiaffi

 

2017.08.12 <nauticarep> Circa un decennio dopo la fine degli esperimenti nucleari a Mururoa, un gruppo di ricercatori francesi dell'Istituto nazionale della Sanità e della Ricerca medica (lnserm) francese, capeggiati da uno dei suoi direttori, Florent de Vathaire, assicurò di aver stabilito, attraverso una ricerca compiuta su 239 casi di tumore, un forte legame fra le ricadute dovute agli esperimenti nucleari realizzati dalla Francia e il rischio di un cancro alla tiroide nella zona dell'atollo polinesiano. Il numero di tumori direttamente riconducibili agli esperimenti venne stabilito in una decina di casi, cifra elevata se registrata in un contesto abitativo di un atollo. A seguito di questo studio compiuto da un organismo ufficiale francese, l'Aven, una delle associazioni che si batte da anni per il riconoscimento dei danni alla salute umana provocati dagli esperimenti, ha dichiarato che tale studio rende ancor più insopportabile la tesi del ministero della Difesa francese e del governo su quelli che hanno sempre definito "esperimenti puliti" e intollerabile il ricorso sistematico in appello contro le decisioni dei tribunali che indennizzano le vittime.

 

2012.06.25 <youtube> da La settimana Incom 02020 del 06/01/1961: il terzo esperimento nucleare francese nel poligono nucleare di Reggane. gabbie con animali. Segue <Mururoa>

 

↑1966.mm.gg – 1996 <Mururoa> è uno degli atolli che formano l'arcipelago Tuamotu della Polinesia francese. Fra gli anni 1966 e 1996 è stato utilizzato dalla Francia come sito di test per 138 esplosioni nucleari insieme al vicino atollo di Fangataufa.

 

↑1960.02.13 <wikipedia> Gerboise bleue è il primo test nucleare sviluppato dalla Francia. Si trattava di una bomba atomica fatta detonare nel poligono nucleare di Reggane <youtube> collocato nel centro del Sahara algerino il 13 febbraio 1960, nel pieno della Guerra d'Algeria.