Complicità francesi (Mitterrand) nella guerra civile rwandese

Il massone François Mitterrand <wikipedia> venne aspramente criticato per la collaborazione, soprattutto commerciale ed economica, con i vertici regime degli Hutu in Rwanda segregazionista nei confronti dei Tutsi, prima della guerra civile Rwandese (1990-1993) che portò al loro genocidio. Hutu erano anche i due gruppi paramilitari principalmente responsabili dell'eccidio: Interahamwe (addestrati da soldati francesi) e Impuzamugambi.

La famiglia di Mitterrand aveva interessi d'affari in Africa, non solo in Rwanda (il figlio venne arrestato negli anni 2000 per traffico d'armi con l'Angola).

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 22/11/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: male fisico; potentati; Francia, indifferenza dell’ONU

 

↑1994.07.18 <benerwanda>: il Fronte Patriottico Rwandese, movimento di opposizione armata predominato dai Tutsi, mette progressivamente fine al genocidio dei Tutsi, e si appresta a prendere il controllo politico e amministrativo del paese. Gli autori del genocidio, i promotori, i pianificatori, i miliziani e centinaia di migliaia di ordinari assassini, si riversano in Congo ed altri paesi vicini alla fine del genocidio, mentre l’esercito francese [CzzC: con Mitterrand] ne copriva la ritirata strategica.