modificato 15/01/2017

 

Ripartizione immigrati: Junker accusa i Paesi dell’EstEuropa di non volere immigrati perché troppo cattolici

Correlati: potenti matrici della cultura dominante cattofobica

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

<fattoq20160922>: Junker: una volta salvata la vita a coloro che fuggono dalle guerre, deve scattare la solidarietà nella ripartizione dei rifugiati: «Alcuni Paesi lo fanno, altri dicono di no perché sono cattolici e non vogliono musulmani. Questo è inaccettabile» perché non si tratta di musulmani ma di esseri umani. [CzzC: visto che i cattolici sono tra quelli che più si rimboccano le maniche per gli ultimi, anche per immigrati e rifugiati, e sono tra i meglio ammaestrati a farlo, la sparacchiata di Junker schiocca come uno schiaffo in faccia alla cattolicità, tanto illuminato quanto impertinente].

 

 

15/01
2017

[CzzC: verso le 9 odo a Radio1Rai una signora dire che se i Paesi dell’EstEuropa non vogliono quote di immigrati sarebbe anche perché non li aiutiamo abbastanza contro le minacce della Russia: visto che la Russia non li sta minacciando (sono le nostre forze Nato ad ammassare truppe e manovre provocatorie ai suoi confini), mi sa che i soliti lumi, bruciate le accuse della serie con cui Junker lo scorso 22/09 accusava i Paesi dell’EstEuropa di non volere immigrati perché troppo cattolici, ne stanno montando di altre, sempre della serie del lupo]