modificato 24/01/2017

 

Il Padrone del mondo, libro di Benson consigliato da Papa Fr1

Correlati: potenti illuminate matrici della cultura dominante, gnosi, pelagianesimo

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

Nel 1907 Robert Benson pubblicava Lord of the world questo romanzo fanta-politico che narra la lotta di un prete inglese contro un regime «umanitario» che tenta di omologare la Chiesa, riducendo il Cristianesimo ad una innocua morale.

 

 

08/04
2016

<aleteia>: Perché 2 papi consigliano di leggere “Padrone del Mondo”? È una sorta di romanzo apocalittico oscuro, molto trascurato dalla sua pubblicazione nel 1907, ma ha una raccomandazione a cui qualsiasi autore di best-seller aspirerebbe: non solo Papa Fr1 dice che è una buona lettura, ma lo diceva anche il papa precedente.

21/01
2015

<news.va e Avvenire e Tempi>: "Il Padrone del Mondo" il libro consigliato da Papa Fr1 che di ritorno dalle Filippine, parlando della “colonizzazione ideologica”, ha suggerito la lettura del libro di Robert Benson per capire cosa intendesse dire. Un'opera d'inizio '900 che descrive l'instaurazione, nel 2000, di una dittatura di stampo umanitarista, che predica la tolleranza universale per tutti, tranne che per la Chiesa, che viene perseguitata.

02/05
2010

[CzzC: Ste mi passa l’art di 30Giorni/2008 appresso citato: lo commento come assai attuale, anche perché oggi a Messa a Brentonico il sacerdote missionario durante l’omelia, additando il cartello riassuntivo del vangelo odierno “amatevi gli uni gli altri” ha fermamente sottolineato che “è sbagliato”, perché fin lì basta il mondo, mentre Gesù ha detto «amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi»].

01
1988

<30Giorni> 80 anni fa Robert Benson pubblicava Il Padrone del Mondo, un romanzo fanta-politico che ogni cattolico, oggi, dovrebbe leggere e meditare. Vi si narra la lotta di un prete inglese contro un regime «umanitario» che tenta di omologare la Chiesa, riducendo il Cristianesimo ad una innocua morale.