PROSELITISMO PELOSO, foraggiato da ISLAMISTI o da calvin-TEOLOGI DELLA PROSPERITÀ sedicenti evangelico-pentecostali

<wikip> Proselitismo è l'opera di chi cerca di convertire o coinvolgere altri individui a una certa religione o altra dottrina; tutt'altro sarebbe la missionarietà che testimonia in parole ed opere un bene per tutti, rispettando appieno la libertà altrui di aderirvi. Purtroppo la sollecitazione alla conversione potrebbe sottendere un interesse di lobby che mira a più facili affari col dominio delle coscienze, dal che la pelosità in titolo, pur senza condividere l'U.Eco della cocaina.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 05/02/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate:

PROSELITISMO foraggiato da ISLAMISTI

PROSELITISMO SEDICENTE EVANGELICO, foraggiato in dollari, anche da calvin-TEOLOGI DELLA PROSPERITÀ

 

2020.09.29 <vaticann google> in Laos il governo di Vientiane ha adottato provvedimenti per proteggere i cristiani dalle continue vessazioni, discriminazioni e maltrattamenti; <nbq> Sta migliorando la situazione ma non in tutte le regioni: nel nord del paese gli stessi rappresentanti governativi tendono a etichettare il cristianesimo come una “importazione americana” contaminante la locale tradizione comunista; nella provincia di Luang Prabang i cristiani sono discriminati per l'uso di terra e dell'acqua sia dai capi villaggio sia dalle autorità governative; nella provincia di Houa Panh (Laos nord orientale), i cristiani non subiscono abusi, ma devono fare attenzione, spiegano i governativi, «a non persuadere altre persone a credere nella loro regione”, pena sanzione degli atti di proselitismo; <google> a marzo, a Kalum Vangkhea, nella provincia di Savannakhet, un pastore protestante è stato condannato con tale accusa a sei mesi di carcere [CzzC: magari hanno esagerato la condanna, ma, se fosse stato proselitismo peloso, potrebbero aver avuto qualche buona ragione per contenerlo]

 

2020.04.20 <rai> papa Fr1: no al proselitismo, la fede è testimonianza di vita "La fede non è quieta, deve uscire da te. La fede è sociale, per tutti", ma non può essere proselitismo

 

2019.06.gg <avvenire google> papa Fr1: «No a proselitismo, la vocazione non è cercare nuovi soci». La sfida della Chiesa è parlare ai giovani, "ma occorre capire il loro linguaggio"