Mons. RINO FISICHELLA vescovo/1998, teologo e accademico

Membro della Congregazione per la Dottrina della Fede, della Congregazione delle Cause dei Santi (cause Antonio Rosmini, Pio XII, Giovanni Paolo II e Paolo VI); membro del Pontificio Consiglio per la Cultura, del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali. Il 30 giugno 2010 è stato nominato presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

È tra i Vescovi che hanno celebrato la Messa Tridentina successivamente alla riforma liturgica post-conciliare, dopo la liberalizzazione del rito straordinario avvenuta nel 2007 da parte di Papa Benedetto XVI.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 15/09/2020; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: correl

 

2020.09.10 <yt> giovedì pomeriggio a Gemona mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, è intervenuto al primo incontro del corso diocesano per catechisti 2020, intitolato «Catechista luce di verità». Erano presenti soprattutto catechiste. Incontro di verità e realtà, tante forme di conoscenza. [CzzC: non concordo su mascherina che sarebbe prescritta da algoritmi, ma è forte l'accento sull'incontro con Cristo]

 

↑2011.mm.gg <wikipedia> Alcuni prese di posizioni di Famiglia Cristiana, sono state criticate da associazioni ed esponenti del mondo cattolico:

- l'aver dedicato una copertina al vincitore del Festival di Sanremo 2007, Simone Cristicchi, che è autore anche di altri brani denigranti il magistero della Chiesa cattolica, come Prete, nel quale attribuirebbe al clero cattolico l'alimentare la più grande bugia della storia;

- altre copertine "critiche" citate sono state quelle dedicate a personaggi divorziati o conviventi more uxorio come Michelle Hunziker o Fabrizio Frizzi;

- nel corso del 2010 durante gli scontri fra il governo Berlusconi e Famiglia Cristiana, più volte esponenti del Vaticano (ad es. Federico Lombardi o Rino Fisichella) hanno voluto ribadire che la posizione del settimanale non è la posizione ufficiale della Santa Sede.

 

↑2010.08.31 Giorgio Grigolli mesta in VT sulla partitica burrasca agostana sollevata da Famiglia Cristiana che con Beppe del Colle aveva attaccato a testa bassa il Berlusca&C., cita Scola (Famiglia cristianaha il cattolicesimo come riferimento, ma non è la voce della Chiesa italiana, così come Avvenire è vicino alla Conferenza episcopale, ma non è l’emanazione diretta della voce dei vescovi”. ) e Fisichella “cappellano” di Montecitorio (“E’ lecito che Famiglia cristiana formuli certi giudizi … ma non è corretto attribuirli al mondo cattolico”)