SUFISMO e MASSONERIA: “Il Sufismo è stato il genitore orientale della Massoneria”?

<controcontempor 2011.11.07>: in un testo massonico inglese del 1726 “The Grand Mystery Laid Open” alle due domande (come è chiamato Dio? Chi fu il primo Massone?) viene risposto “Laylah Illallah” ovvero non vi è altro Dio che Allah, il primo dei cinque pilastri dell’Islam. Il noto esploratore e massone inglese Sir Richard Burton, lo scopritore del lago Tanganika in Africa, scrisse: “Il Sufismo è stato il genitore orientale della Massoneria”.  continua

<iodonna 2016.01.04>: i Sufi sono attenzionati dalla massoneria fin da quando fece il suo ingresso nell’Impero ottomano: le logge massoniche vengono assimilate all’equivalente (occidentale) delle confraternite sufi; alcuni sufi erano anche massoni, e almeno quattro sheykh al-Islam erano affiliati alla massoneria.

Libri: Federico II, il sufismo e la massoneria: raccolta di conferenze e di saggi di Gabriele Mandel, riguardanti il rapporto tra l'Islam e l'Europa cristiana e specificatamente tra il Sufismo e la Massoneria. Federico II figura emblematica, trait d'union tra le culture ed esempio di apertura.

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 01/12/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: sunniti e sciiti, islam moderato, massoneria sbilanciata pro islam; inarrestabile il terrorismo finché ...

 

↑2016.mm.gg <umsoi>: massoneria in Oriente: il Sufismo è costituito in Ordini o Confraternite ben organizzate sin dal X secolo. Un Maestro venerabile, due luci, un copritore esterno, e gli adepti, che si distinguono in apprendisti (murid), compagni ('arîf: iniziato) e maestri (shaykh). Si riuniscono in una tekké, o zawiyya, o dergah: una Loggia, insomma; per solito il lunedì sera per le discussioni in comune e l’insegnamento evolutivo, spesso sulla lettura di tavole lasciate da grandi Maestri del passato; il giovedì sera per il rituale del dhikr: la Rammemorazione di Dio.

 

↑2005.11.07 <ilDialogo>: Sufi e massoni: la luce esoterica. Il sufi non impone la sua linea di condotta etica con la forza. Ciò sarebbe contrario all’ indicazione coranica che afferma: nessuna costrizione in fatto di religione. L’iniziato opera emblematicamente sul proprio io, che da pietra grezza diventa pietra levigata e squadrata, sino a giunger al grado di uomo perfetto, le tappe sono 33.