Il pastore valdese A.Esposito sbeffeggia i cattolici offesi per la merda artistica sul volto di Cristo

Il pastore valdese getta merda sui sedicenti credenti di fede cattolica, additandoli censori rappresentanti dell’odierna inquisizione

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 13/02/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: Valdesi cattivelli, Alessandro Esposito, arte offensiva

 

↑2013.01.24 Il pastore valdese Alessandro Esposito ricorda la merda sul volto di Cristo di un anno fa e sbeffeggia in merito i cattolici: perché? Perché si permisero la libertà di espressione di contestare quelle offese al volto di Cristo: odi il sermonante valdese paladino della libertà di espressione all’indirizzo dei cattolici: censori rappresentanti dell’odierna inquisizione che, a secoli di distanza da una prassi consolidata in ambito vaticano, hanno rispolverato l’inveterato costume della messa all’indice delle opere sgradite... cattolicesimo bigotto e oscurantista... censura preconcetta, fatta di pregiudizio ed ignoranza ... integralisti... Luogo principe della libertà d’espressione è proprio l’arte, la quale non deve chiedere alcuna licenza de li superiori per manifestare, anche con toni irriverenti, il proprio pensiero ... L’arte si legittima da sé, non deve passare alcun vaglio, non deve rendere ragione ad alcuna (presunta) autorità morale, perché, per parafrasare Nietzsche, essa si trova per essenza «al di là del bene e del male», categorie troppo ristrette e semplicistiche per racchiudere ed esaurire lo spirito umano e le sue creazioni.

[CzzC: Castellucci gode e ringrazia? Fosse solo lui! Comune sentire con comuni matrici?]