Prof. GREGORIO ARENA

foto in Uni_TN e Labsus. Docente di diritto amministrativo in Uni_TN. Fu Consigliere della Regione Trentino-AA e della PAT (1993-1996), Presidente nazionale di Cittadinanzattiva (2004-2007), è membro del Comitato scientifico di Astrid (Associazione per gli studi e le ricerche sulle pubbliche amministrazioni) e del Consiglio scientifico di varie riviste, fra cui la Rivista di Diritto Pubblico, la Rivista Italiana di Comunicazione Pubblica,  Impresa sociale e NonProfit. E’ membro dell’International Institute of Administrative Sciences e dell’Associazione Italo-Spagnola di Diritto amministrativo. LABSUS, il suo sito sull’amministrazione condivisa e come la descrive.

Produzione scientifica del prof. Gregorio Arena

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 28/12/2021; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: cittadinanza, sussidiarietà, partecipazione, volontariato

 

↑2013.mm.gg Lo sento alla radio commentare moti di piazza contro un’opera pubblica nel Bresciano e ironizzare la sindaco perché non avrebbe consultato la popolazione, nonostante che la giunta avesse regolarmente coinvolto le circoscrizioni: non mi piace, e mi chiedo perché echeggi un tipico assemblearismo sessantottino che preferisce la piazza alla democrazia di rappresentanza

 

↑2013.04.10 Tiene conferenza “L'amministrazione condivisa. Il ruolo dei cittadini nella cura dei beni comuni urbani” nell’ambito delle iniziative promosse da Quartiere Solidale. Nei miei appunti annoto con piacere che esalta la sussidiarietà orizzontale, ma con dispiacere che esalta solo quella gratuita e per i beni ambientali:

- passi che abbia taciuto sulla vasta sussidiarietà di cittadinanza attiva e responsabile esplicata nelle intraprese non lucrative (ancorché non gratis) in risposta a bisogni sociali soddisfatti anche con denaro pubblico perché lo stato così ha meno oneri a parità di efficacia delle risposte al bisogno; passi ...

- passi che esalti la solerzia dei cittadini nel riparare le buche dei marciapiedi e dimentichi le intraprese di cittadinanza attiva responsabile in ambito educativo;

- ma rattrista che sia arrivato a tacciare spregiativamente come business le intraprese non lucrative in ambito educativo, dicendo un NO semi-ironico al buono scuola del modello Lombardia e al modello lombardo della sussidiarietà, ancorché tale modello sia ammirato anche fuori Italia per efficacia, efficienza e per minori oneri per lo stato.

Colpito da tale scadimento ideologico, ho fatto un intervento (wma) di testimonianza e domanda cui GA rispose glissandone il cuore, come astanti mi dissero in uscita.

 

↑2013.04.07 Il piano nazionale per la cura civica dei beni comuni

 

↑2011.05.03 Amministrazione condivisa, l'alleanza vincente fra cittadini: Il modello dell'amministrazione condivisa può realizzarsi per iniziativa dell'amministrazione oppure per iniziativa dei cittadini.

 

↑2010.04.gg Il principio di sussidiarietà orizzontale nell'art. 18uc della Costituzione. Discernimento rispetto alla sussidiarietà verticale.

 

↑2008.02.27 La comunicazione dell'amministrazione condivisa

 

↑2006.10.27 Cittadini attivi: l'amministrazione diventa condivisa. Gregorio Arena all'EURAC presenta il suo libro su sussidiarietà e cittadinanza attiva.

 

↑2005.11.30 La comunicazione pubblica nell'amministrazione della sussidiarietà: dalla riforma del Titolo V della Costituzione il superamento del paradigma bipolare Amministrazione-cittadini e i nuovi presupposti per l'esercizio della funzione pubblica di comunicazione.

 

↑2004.03.13 Nuovo modo di amministrare: dal modello bipolare al modello dell'amministrazione condivisa. Relazione introduttiva alla "Convenzione nazionale della sussidiarietà", tenutasi a Roma il 13 marzo 2004