modificato 15/11/2017

 

Isis o Daesh: il Califfato scempio di diritti umani

Correlati: genocida? chi lo foraggia? Teologia dello stupro. Obama ammette inciucio/lfb con turco-wahhabiti, Jihad, Allah akbar, mandatorio perseguitare, Sharia, Siria, Iraq, danni

Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità: contrassegno miei commenti in grigio rispetto al testo attinto da altri.

 

 

I mostri jihadisti dell’Isis (o Is, detti anche miliziani Daesh o Daash o Da’ish), nati dal sunnismo di Al Qaeda, nel loro califfato fanno scempio di diritti umani e sradicano radici di altre fedi (cristiane soprattutto) come mai prima nella storia era stato fatto colà: furono (e forse sono ancora) foraggiati da turco-wahhabiti e loro inciuciati complici in affari e vendita di armi compresi US-UK, Paesi UE, con la Turchia (alleata Nato) che fu/è il transito prediletto dai foreign fighters.

Come donare aiuto ai perseguitati in Iraq, Siria, Kurdistan? Ad es. tramite AVSI, Caritas, Asia News.

 

 

14/11
2017

<stampa>: Lo sporco segreto di Raqqa: lasciati fuggire i terroristi dell’Isis: inchiesta delle Bbc rivela i dettagli dell’accordo fra curdi e islamisti: salvi anche i foreign fighters [CzzC: col nulla osta della Cia, perno lfb della pelosa coalizione?]

31/10
2017

[CzzC: odo.mp3 8,40 a Radio3/Tarquinio intervenire don Renato Sacco coordinatore di Pax Christi: ne apprezzo la coraggiosa esplicitazione <mp3>: «L’Arabia Saudita, oltre a sostenere l'Isis ideologicamente e militarmente, è responsabile di una tragica guerra nello Yemen e noi gli stiamo vendendo armi». Forse non avrebbe esplicitato così, se non per denunciare il commercio delle armi, ma tant’è]

17/09
2017

<rai video>: Deir Ezzor liberata dalla morsa del califfato nero, la popolazione quasi non ci crede: per più di 1000 giorni è stato un incubo di attacchi continui. A tenerli in vita un massiccio ponte aereo russo di viveri e medicinali.

14/09
2017

<vietatop>: nei tre anni di assedio da parte dell’Isis, le scuole di Deir Ezzor non hanno mai smesso di funzionare nonostante la carenza di cibo, acqua, luce per 100.000 persone, vissute solo grazie a precari  rifornimenti di cibo e medicinali paracadutati da russo-siriani, tra lo stillicidio di proiettili e razzi dei jihadisti.

02/09
2017

<tempi>: Francia, scuola: minacce agli ebrei, inni all’Isis, insulti alle donne narrati in un libro di Bernard Ravet preside di liceo: è ora di finirla con la legge del silenzio che pesa sull’impatto della religione in certe scuole. Il fanatismo impone i suoi simboli e le sue leggi nello spazio scolastico; ho dissuaso l’iscrizione di un ebreo perché se avessero scoperto che veniva da Israele, l’avrebbero distrutto.

01/09
2017

<asianews>: Bambini-schiavi nell’inferno dell'Isis: storie di liberati o fuggiti da Telaafar. Venduti e rivenduti, trattati come schiavi, come oggetti sessuali; addestrati a sgozzare e usare armi; arruolati come bambini-soldato.

17/08
2017

Attentati: <rai, repub, fattoq> un furgone ha travolto decine di persone che affollavano la Rambla di Catalunya nel centro di Barcellona; Isis rivendica

11/07
2017

<ansa>: Amnesty: a Mosul/Iraq una ‘catastrofe' per i civili: l’Isis ha usato «intere famiglie come scudi umani» mentre le forze della coalizione a guida Usa hanno utilizzato «armi inappropriate rispetto alle circostanze» ed «in alcuni casi può essersi trattato di crimini di guerra». [CzzC: parla il tacer dei nostri illuminati Usa-succubi che si stracciavano le vesti per la liberazione Aleppo supportata dalla Russia]

23/05
2017

Manchester: attacco terroristico islamista all’Arena: <fattoq>: Oggi si piangono le giovani vittime di questo attentato rivendicato dall’Isis, ma è noto che l’Arabia Saudita ha finanziato e sponsorizzato l’Isis. [CzzC: si parla di Salman radicalizzato, ma non si additano i radicalizzatori: perché?]. Sul sostegno dei wahhabiti al terrorismo basterebbe citare il doc131801 di Wikileaks con la email di H.Clinton che addita i wahhabiti primari foraggiatori di terroristi islamici

22/05
2017

<huffingt>: ognuno conosce l'esplicita evidenza trovata dal 2009 che l'Arabia Saudita era "una base cruciale di sostegno finanziario per Al Qaida, i Talebani, LeT e altri gruppi terroristici". Tutti sanno la più recente e molto più dannosa rivelazione del 2016 che l'Arabia Saudita continua a “fornire clandestinamente sostegno finanziario e logistico a ISIS e ad altri gruppi radicali sunniti" in Medio Oriente.

26/04
2017

<stampa>: Margherita aveva ospitato per 9 anni l’uomo arrestato a Torino per legami con l’Isis: «L’avevamo salvato dalla droga. La radicalizzazione? Una pugnalata»

22/04
2017

<fulvioscaglione>: sappiamo che Isis è uno strumento utilizzato in primo luogo da Qatar e Arabia Saudita. Lo ha detto la stessa Hillary Clinton nelle mail intercettate e pubblicate da Wikileaks. Uno strumento impiegato per devastare Siria e Iraq, per praticare la pulizia etnica di ... Occidentali imbarazzati perché Arabia Saudita e Qatar sono i nostri più grandi amici in Medio Oriente, partner d’affari, quelli ai quali vendiamo armi e tecnologia e ai quali, vero presidente Hollande?, concediamo le massime onorificenze nazionali. Quelli che ... continua

13/04
2017

<ansa>: Siria, mea culpa Usa: «Uccisi per errore 18 combattenti anti-Isis» [CzzC: confidiamo che sia stato davvero un errore non voluto e non indotto e che, pur non essendo il primo della specie, Isis non abbia da rallegrarsi ancora per ricorrenze]

09/04
2017

Copti dilaniati da tritolo islamista in due chiese in Egitto: 45 morti 118 feriti: da alcuni mesi la barbarie è irrefrenabile: ricordiamo i 26 morti nella cattedrale copta de Il Cairo (dic 2016) e i sette omicidi in odio religioso nei primi mesi del 2017 nel Nord Sinai: l'Isis rivendica e minaccia altri attentati contro "i miscredenti che pagheranno con il sangue dei loro figli, che scorrerà a fiumi".

01/04
2017

<video>: l'Isis era ad Aleppo Est con Al Qaeda ma i disinformatori occidentali ce l’hanno nascosto e ci facevano credere che lì ci fossero solo ribelli moderati martellati dalle truppe del cattivo Assad e dei cattivi Russi, anziché terroristi.

31/03
2017

<Negri/Sole24h>: «la Siria è il “capolavoro” della coppia Obama-Clinton. Prima hanno cercato di abbattere Assad, seguendo i desiderata degli alleati Arabia Saudita e Turchia, poi, visto che stavano spianando la strada ai peggiori jihadisti del Medio Oriente, si sono tirati indietro, restando a guardare mentre il Califfato si espandeva a macchia d’olio». Fallito pure l’addestramento di milizie ribelli contro l’Isis e Assad

30/03
2017

«Metti una bomba a Rialto»: Venezia: <corriere>: 4 kosovari (Fisnik Bekaj, Dale Haziraj, Arjan Babaj arrestati + un minore) per apologia di attentati (anche di Londra), si addestravano con i video dell’Isis compreso confezionamento di esplosivi

31/01
2017

Il MUSLIM BAN di Trump aiuta l'Isis con questa sua modalità da incauto e gradasso: l'ordine che restringe l'accesso negli Us per i musulmani provenienti da sette paesi, rischia di diventare un potente strumento di propaganda in favore dell'Isis. [CzzC: Trump, fatti consigliare meglio! O trascinerai Us e Pesi Nato in una politica estera più dannosa di quella con cui ci penalizzò il masso Nobel pace: continua]

29/01
2017

<fc>: L'Isis dev'essere ancora fermato. Il blocco dei visti a cittadini di Paesi infettati da terroristi fu preso anche da G.W. Bush dopo l’11 settembre, ma rischia di essere un provvedimento retorico, oltre che di cattiva immagine, se non si interviene anche e soprattutto sulle le petro-monarchie del Golfo che maggiormente ispirano e finanziano il terrorismo islamico.

07/01
2017

<unita>: Sono almeno 20 le cellule Isis attive soprattutto in Bosnia-Erzegovina, Albania e Kosovo. Offerti tra i 20 e i 30mila euro a chi si “arruola”

27/12
2016

<asianews>: P. Tom, rapito in Yemen, è vivo: “Dimenticato, ho bisogno di cure”. Dal 4 marzo 2016 il salesiano indiano è nelle mani di un commando dello Stato islamico.

20/12
2016

il fondamentalismo dalle origini all’Isisun libro (qui recensione) di Massimo Introvigne: Isis si considera erede del terrorista Abu Musa al-Zarqawi morto nel 2006 in Iraq, un tagliagole che  teorizzava il massacro di tutti i non sunniti

12/12
2016

<fattoq>: Isis si riprende Palmira: scontato che ben poco valgono i sospetti non sottesi da oggettivi elementi indiziari, scontata la libertà di pensiero e contando sulla nostra residua libertà di espressione, mi permetto di sospettare che la controffensiva Isis a Palmira non dispiaccia all'inciucio us-wahhabiti quantomeno per vendicare la sconfitta che stanno incassando i loro foraggiati ribelli terroristi ad Aleppo Est e per insistere sulla criminalizzazione di Assad, qui additato incapace di difendere un bene comune, patrimonio dell'umanità qual è il sito archeologico di Palmira.

26/11
2016

<fq>: Isis ai jihadisti del Kosovo: “Dovete colpire subito l’Italia”. L'ordine è passare dalla Bosnia per poi entrare da Trieste o attraverso la Svizzera. Allarme sul rientro dei foreign fighters dalle zone di guerra al nostro Paese

16/11
2016

<oraprosiria>: L'esercito mercenario di Erdogan è costituito da Cinesi Uiguri sunniti turcofoni: Erdogan, per cui "I martiri del Turkestan orientale sono i nostri martiri”, ha organizzato l’ingresso in Turchia e poi in Siria di oltre 50.000 Turchi Uiguri con passaporti falsi. Il Partito Islamico del Turkestan (TIP) è un gruppo radicale dal 2001 affiliato ad Al-Qaida e in Siria sta con al-Nusra. “I Ceceni che hanno lasciato ISIS sono stati rimpiazzati dagli Uiguri” annota l’OSDH.

04/11
2016

<repubblica>: Mosul, le donne curde che sfidano l'Isis al fronte:  "Quando le tv hanno spiegato cosa faceva Daesh alle donne, mi è ribollito il sangue nelle vene ... Abbiamo sempre un proiettile pronto all'uso nel caso ci facessero prigioniere"

04/11
2016

<stelle>: Dartmouth Films trasmetterà da RT sabato l’accusa di Julian Assange a Hillary Clinton di nascondere agli americani la vera portata del sostegno degli alleati Usa allo Stato Islamico. In una email del 2014 la Hillary, Segretario di stato fino all'anno prima, sollecita John Podesta, allora consigliere di Barack Obama, a "esercitare pressioni" sul Qatar e l'Arabia Saudita "che stanno fornendo supporto finanziario e logistico clandestino all'ISIS e altri gruppi sunniti radicali."

03/11
2016

<sussidiario>: Obama patteggia con Isis in funzione anti Assad e anti Russia: gli Usa hanno concesso all'Isis di lasciare Mosul e di raggiungere le proprie roccaforti in Siria: i comandanti curdi ed i russi dicono che migliaia di jihadisti sono andati già a Raqqa in Siria. La decisione americana di consentire a migliaia di jihadisti di fuggire in Siria è stata riferita anche dal presidente Hollande che ha criticato la decisione americana in palese contraddizione con la lotta al terrorismo [CzzC: ma in perfetta sintonia con la strategia Leading From Behind del masso Nobel Pace].

03/11
2016

<Corriere>: arrestato Gafurr Dibrani kosovaro 24enne a Brescia: esaltava la guerra santa e pubblicava/web video inneggianti all’Isis e pure foto del bimbo, che chiamava «il nuovo leone», con i simboli del Califfato.

23/10
2016

<stampa, avvenire, ifq, formiche>: Mosul, l’orrore del Califfo e la mortale ignavia dei Grandi: 284 esseri umani, tra quali molte donne e tantissimi bambini, assassinati “a freddo” nei dintorni di Mosul ... <lapresse.vid> Fr1 fermare strage di innocenti!

11/10
2016

Wikileaks pubblica una email della Clinton dichiarante che Qatar e Arabia Saudita foraggiano Isis: nella mail appare chiaro che gli Stati Uniti sono perfettamente al corrente che i loro alleati "forniscono clandestinamente supporto finanziario e logistico a Isis e ad altri gruppi radicali sunniti nella regione".

07/09
2016

<giornale> I baby-terroristi dell'Isis, l'arma finale con cui colpirci una volta perduti i propri territori: vedi filmato Isis di agosto: 5 bambini sparano a 5 prigionieri curdi.

31/08
2016

<pnote>: ucciso Abu Mohammed al-Adnani, macabro portavoce dell’Isis, le cui minacce al mondo imperversavano in questa stagione del Terrore [CzzC: chiediti perché i media occidentali sottaciono che si trovava ad Aleppo, dove i ribelli sono dipinti dagli stessi media mai come massacratori di inermi, mai come collusi con Isis]

29/08
2016

<occhi>: la jihad che minaccia l’Europa passa in maniera consistente per il corridoio balcanico: in alcuni villaggi della Bosnia le bandiere nere del Daesh sventolano senza reazioni da parte della comunità internazionale.

01/08
2016

<rightsreporter>: governo egiziano furioso con Hamas dopo aver scoperto che il gruppo terrorista palestinese collabora con Isis curandone i terroristi feriti negli scontri con l’esercito egiziano nel Sinai [CzzC: anche tutti gli egiziani islamici sono furiosi?]

07/07
2016

[CzzC: scrivo msg a Obama: smetti di foraggiare terroristi direttamente o indirettamente coi wahhabiti, onora il tuo premio Nobel per la pace, togli le sanzioni alla Siria, collabora con tutti gli stati, Russia compresa, che si dimostrano efficaci nel vincere contro le bande del terrorismo jihadista che sta facendo stragi di innocenti]

06/07
2016

<asianews>: Noi musulmani ipocriti: Daesh ci rappresenta: la sharia “inventata” dagli ulema e insegnata nelle scuole coraniche è la stessa che viene praticata dai militanti dello Stato islamico. La “giurisprudenza religiosa, sorta più di 10 secoli fa” ha “incatenato e arrugginito il nostro cervello e quello dei nostri figli”. È urgente svecchiare la religione musulmana dalle ambiguità legate al passato. La coraggiosa denuncia di un giovane studente musulmano algerino.

04/07
2016

<sussidiario>: Erdogan scopre i terroristi solo adesso? Ha aiutato lo stato islamico fino all'altro ieri, ora piange i propri morti. Dati e fatti dell'incredibile ottusità politica e strategica di Erdogan col sostegno dato all’Isis e che continua a dare ad al Nusra (al Qaeda in Siria) e al gruppo Aharar al-Asham e che gli alleati Nato dissimulano.

13/06
2016

<oraprosiria>: Iraq: Patriarca siro-ortodosso e dal Patriarca siro-cattolico congiuntamente sull'occupazione ISIS: “un genocidio etnico-religioso" e 200.000 Assiri costretti profughi oltre alla distruzione di chiese, monasteri e siti archeologici.

13/06
2016

In discoteca gay di Orlando il jihadista Mateen fa strage: Isis la rivendica: quale il suo movente e le sue fonti educative allo scopo? Ad es. qualche imam sermona così: <tempi>: nell’islam la pena per gli atti omosessuali (copulazione in pubblico) è la morte e non c’è niente di cui essere imbarazzati. È un atto di compassione perché con questa sentenza la persona omosessuale sarà perdonata e non sarà ritenuta responsabile nella vita dopo la morte. [CzzC: vedi legislazioni esiziali per i gay]

10/06
2016

<difesaonline>: In Iraq e Siria contro Isis si combattono due guerre diverse: in Siria gli US non hanno interesse che Assad prevalga su Isis e se l’Isis perdesse in Siria, per gli Us e gli occidentali che li hanno seguiti sarebbe una mezza sconfitta. Se l’Isis fosse sconfitto in Iraq, per Washington e alleati sarebbe una quasi vittoria.

07/06
2016

<ladige et>: ingabbiate e bruciate vive da Isis 19 ragazze curde in piazza a Mosul: si erano rifiutate di diventare schiave sessuali dei miliziani del califfato [CzzC: a meno che non sia una bufala come <avvenire> parrebbe non escludere, ci chiederemmo perché manchino le esecrazioni di potenti illuminati della nostra cultura dominante]

06/06
2016

<voltairenet>: Thierry Meyssan, presidente della conferenza Axis for Peace: l’ONU e la UE (causa Nato soprattutto), invece di coordinare la lotta contro Isis, mettono i bastoni fra le ruote ai più efficaci combattenti anti Isis sul campo, mascherano i sostegni statali al terrorismo internazionale, ignorano i documenti consegnati al Consiglio di Sicurezza che da Iraq, Siria e Russia dimostranti il foraggio ad Isis fornito da Arabia Saudita, Qatar e Turchia di Erdogan. Continua

02/06
2016

lfb: <aurora>: gli obiettivi USA a Raqqa: occupare gradualmente e surrettiziamente Iraq e Siria, col pretesto di aiutare le forze YPG contro Isis: arrivare a creare basi militari come in Paesi della NATO e del Golfo: Oman, Kuwait Emirati Arabi Uniti, Qatar, Bahrein e Arabia Saudita: in Iraq, da cui gli Us sono stati costretti a ritirarsi senza potervi costruire le 5 basi militari pianificate, manovrano oggi 7000 soldati statunitensi mentre altri 250 sconfinano in Siria col pretesto di aiutare le SDF a liberare Raqqa da Isis; il Generale Hutayt ha concluso che in entrambi i casi gli Stati Uniti cercano di espandere l’influenza curda da Mosul a Raqqa.

28/05
2016

<asianews>: Le forze curde a 45 km da Raqqa capitale dello Stato islamico che comincia a parlare di “perdita” e di “ritiro”. Soldati americani a sostegno dei curdi irritano Ankara. Il progetto di un Kurdistan autonomo siriano.

19/05
2016

<giornale>: a Mosul l’Isis brucia viva una bambina cristiana dopo che la madre aveva tardato a pagare la jizya [CzzC: vorrei sperare che non sia vero, che sia notizia montata dall’Isis ad arte per terrorizzare i cristiani là e qui da noi]

26/04
2016

<avvenire>: Daesh fa esplodere un'altra chiesa a Mosoul: un altro monumento della cristianità orientale è andato distrutto in Iraq, la chiesa latina di Santa Maria

20/04
2016

<citizengo>: dal 27 al 30/04 all’ONU congresso #WeAreN2016 ("Siamo tutti nazareni"): se vuoi, puoi firmare qui come me una specifica petizione ufficiale (call to action) alle Nazioni Unite in tema di difesa dei cristiani perseguitati dall'ISIS.

11/04
2016

<avvenire>: almeno 21 cristiani sono stati trucidati da jihadisti Isis ad al-Qaryatayn, in Siria, prima che la cittadina fosse liberata e ripresa nei giorni scorsi dalle forze di Damasco. In agosto 2015 là erano rimasti ~300 cristiani presi di mira dai jihadisti: alcuni scapparono, altri furono assassinati per aver rifiutato di accettare la conversione forzata o di sottostare alle regole imposte dalla Sharia per i cosiddetti "contratti dei dhimmi", servilismo per avere salva la vita.

25/03
2016

<zenit>: “L’Isis? Potrebbe essere spazzato via. Ma a molti non conviene”. È l’opinione dell’ex direttore del Sisde Mario Mori: le truppe dell’Isis ricavano capacità operativa dal sostegno che da molte parti del mondo arabo, e non solo, loro giungono: molti Paesi, per ragioni politiche, economiche o religiose sfruttano certi teatri operativi per guadagnare posizioni di vantaggio con gli Stati loro competitori. Un esempio valga per tutti: il confronto tra la sunnita Arabia Saudita e lo sciita Iran che coinvolge tutta l’area del Medio Oriente.

22/03
2016

<repubblica>: Attacco all'Europa, terrore a Bruxelles, attentati in aeroporto e nel metrò. I media: "Almeno 34 morti". Lo Stato Islamico: "Siamo stati noi" [CzzC: Preghiamo per i feriti e per le famiglie delle vittime; preghiamo anche perché si aprano gli occhi agli illuminati piloti della cultura dominante nei nostri stati ex-cristiani, affinché la smettano di inciuciarsi in finanza, vendita d'armi, strategia anti Russia con regimi foraggiatori di maestri di odio che non hanno sottoscritto la nostra dichiarazione universale dei diritti umani, appellandosi ad un'altra tutta loro, onde legittimare la persecuzione di abiuri e di infedeli in onta all'Art.18 della nostra dichiarazione universale dei diritti umani]

12/03
2016

<tgcom24>: Attacco chimico dell'Isis a Kirkuk: morte di una bambina di 3 anni e almeno 600 persone ferite o intossicate, altre centinaia in fuga.

11/03
2016

<fb.vid>: video di Homs distrutta [CzzC: se i soli muri sbriciolati bastano a far capire il perché di tanti profughi, pensa a quanto abbiano potuto i congiunti sbriciolati, torturati e venduti schiavi dai mostri dell’Isis con le spallucce dei relativi inciuciati]

10/03
2016

<fc>: «c'è un complotto contro i cristiani del medio oriente ... l’Onu non fa nulla, gli Usa hanno lasciato l'Iraq in condizioni peggiori di prima, e poi c'è chi vende armi o concede onorificenze ai guerrafondai: ecco i colpevoli», denuncia monsignor Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad dei Caldei. «Per i nostri fedeli è un dramma: non possono tornare alle case occupate dall’Isis e l’emigrazione continua» [CzzC inciucio occidentale con Jihad]

08/03
2016

Si riconosca genocidio lo sterminio di minoranze religiose causato da Isis: [CzzC: mi associo alle varie petizioni internazionali mirate a tale obiettivo, ad esempio questa]

07/03
2016

<panorama>: per Obama la persecuzione dei cristiani in Siria e Iraq non si configura come una guerra di annientamento. Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, alla domanda dei giornalisti se l’Isis stia conducendo un genocidio contro i cristiani nei territori occupati in Medio Oriente, ha fornito una risposta incespicante specificando che l’uso del termine genocidio comporta una determinazione legale molto specifica che al momento non è ancora stata raggiunta. [CzzC: il termine genocidio implica la non prescrizione: caro masso Nobel Pace, temi che i posteri possano arrivare a presentare il conto delle tue responsabilità?    continua]

27/02
2016

Padre Douglas “Le istituzioni internazionali devono capire che, quando l’ISIS cadrà, le altre minoranze vorranno vendicarsi, e lo faranno contro qualsiasi musulmano, perché non hanno i concetti di amore e perdono. Noi cristiani no. Noi non giochiamo al gioco dell’odio ... Noi li amiamo comunque, li perdoniamo comunque... continua

24/02
2016

<politico.eu qui in italiano>: Robert Kennedy Junior: "La nostra guerra contro Assad è iniziata quando questi rifiutò al Qatar il gasdotto di 10G$ che attraversasse l'Arabia Saudita, Giordania, Siria e Turchia". Secondo Kennedy la CIA avrebbe trasferito milioni di $ pro rovesciamento del presidente siriano.

21/02
2016

<tgcom24>: Padova, la 19enne arruolatasi con Isis: "Sono pentita, voglio tornare a casa". Meriem Rehaily avrebbe telefonato a un familiare direttamente dalla Siria chiedendo aiuto. Era stata reclutata a luglio dagli jihadisti. [CzzC: spero per il suo bene che sia un nome di fantasia e che non sia di Padova e che non sia nemmeno italiana, altrimenti il mostro ISIS, se fosse ancora nei suoi artigli, la eliminerebbe]

19/02
2016

<bussolaq>: Papa Francesco di ritorno dal Messico fa discutere mezzo mondo parlando di Donald Trump, contraccezione, unioni civili. [CzzC: Trump contro Fr1 fa una pessima figura politica: se io fossi uno statunitense sarei preoccupato ad avere un presidente che reagisce così da bullo sguaiato su Isis/Vaticano: quanto bla-bla farebbe DT se Isis attaccasse il Vaticano? Veda quanto foraggio USA e dei suoi alleati turco-wahhabiti c’è nella greppia dell’Isis; meno male che la Russia c’è gli direi io: Papa Fr1 non glielo dice, perché è più lucido di lui, ma forse lo pensa.]

13/02
2016

<iodonna.pdf>:  in Siria fuggita da Isis: Emmanuelle de Villepin intervista Sahar, 15 anni, con bambino di 5 mesi; e molte altre donne che combattono per la dignità. In diretta dall'inferno di Damasco: Nuovi attacchi domenica a Homs e Damasco; "Ecco come colpisce l'Isis in Siria", il racconto da Damasco; "Il lavoro per il sostegno umanitario nelle zone d'assedio" ; “E la sfida è ricostruire il futuro di chi è fuggito", il servizio del TGR Lombardia

08/02
2016

<sole24h>: alleanza Merkel-Erdogan aprì autostrada della Jihad: pur di tenere lontani i profughi siriani, la Merkel si dice «inorridita» dai raid russi, ma perché non afferma la stessa cosa della barbarie del Califfato e dei jihadisti? [CzzC: cara Merkel, perché fingi di non sapere che i profughi sono provocati, ben più che dalle bombe russe, dai bombardamenti che i jihadisti scatenano sui civili per rivalsa contro la perdita di terreno? Vedi testimonianza di un attento osservatore pacifico e benefico in Aleppo: <gdp.ch>: lettera da padre Ibrahim Alsabagh. «Noi frati rimarremo qui finché ci sarà l'ultimo cristiano». La città è oggetto dell'offensiva del Governo siriano che tenta di riconquistarla e, per rivalsa, i ribelli islamisti colpiscono i civili: oltre 70mila le persone in fuga, migliaia di loro sono ammassate al confine con la Turchia, che sbarra loro i varchi di accoglienza]

15/01
2016

a <radioanchio> h9-10 Karim Franceschi, giovane italiano che ha combattuto tre mesi a Kobane tra le fila dei curdi siriani contro i militanti dell’Isis.

13/01
2016

<youtube, rainews>: Shimon Nona, arciv di Mosul: siamo chiamati a perdonare anche i miliziani Isis, ma l'amore cristiano non resta passivo nei confronti del male: l'arcivescovo (cacciato nel 2014 come gli altri cristiani) spiega in questo articolo che l'amore per i nemici comandatoci da Gesù ci spinge a reagire in modo adeguato ai terroristi, a reagire con forza all'odio, per sconfiggerlo. Analogamente <giornale 21/05/2015> pur avendo assistito a un vero e proprio genocidio, non odia gli uomini dell'Isis Monsignor Petros Mouche, arcivescovo di Mosul dal 2011.

11/01
2016

<corriere>: È stata la paura per il suo bambino di 4 anni — destinato a diventare un jihadista al servizio del Califfo — ad aprire gli occhi a Sophie e a farla scappare da Raqqa, la «capitale» dell’Isis in Siria. «Avrei commesso il suicidio e ucciso mio figlio piuttosto che lasciare che diventasse un assassino con quei mostri»

07/01
2016

<ladige>: dolore per l'uccisione di Ruqia, coraggiosa «citizen journalist», talvolta con lo pseudonimo di Nisan Ibrahim, la reporter anti-Isis, che descrisse pungente la vita a Raqqa, roccaforte jihadista in Siria. E proprio lì è stata «giustiziata» in quanto «spia» dai miliziani dello Stato islamico, sembra 3 mesi fa.

29/12
2015

<corriere>: Reuters: la fatwa #64 dell'Isis definisce i «rapporti sessuali con le schiave» che tipo di comportamento tenere abusando sessualmente di loro.

29/12
2015

<avvenire>: La guerra al Califfato: ecco le città chiave: in Siria: Kobane, Tal Abyad, Raqqa, Palmira; in Iraq: Mosul, Sinjar, Tikrit, Ramadi.

10/12
2015

<independent>: 70.000 religiosi musulmani indiani hanno emesso una fatwa contro Isis, i talebani, al-Qaida e altri gruppi terroristi. I religiosi hanno detto che tali gruppi "non sono organizzazioni islamiche" e sono una minaccia per l'umanità

19/11
2015

<asianews>: Non tutti i musulmani russi condannano il Califfato: da tempo simpatizzanti dell’Isis sono attivi in Caucaso e in Russia fino alla Siberia.

17/11
2015

<stampa» Un rapporto della «Brookings Institution» di Washington indica nei carenti controlli delle istituzioni finanziarie del Kuwait il vulnus che consente a tali fondi «privati» di arrivare a destinazione «nonostante i provvedimenti dei governi kuwaitiano, saudita e qatarino per bloccarli». Fuad Hussein, capo di gabinetto di Massoud Barzani leader del Kurdistan iracheno, ritiene che «molti Stati arabi del Golfo in passato hanno finanziato gruppi sunniti in Siria ed Iraq che sono confluiti in Isis o in Al Nusra consentendogli di acquistare armi e pagare stipendi»,

16/11
2015

Inciucio occidentale: <RaiTV Report> come arrivano le armi ai terroristi?: 06:52 mi dice chi arma l’Isis? «Il Qatar arma l’Isis, conosciamo anche quali famiglie lo fanno; poi molte armi sono arrivate anche attraverso la Turchia; nel nostro ambiente si sa perfettamente che l’Isis è una creatura dell’Occidente, è stato armato in funzione anti Iran»

13/11
2015

<asianews>: lutto nazionale in Libano dopo l’attentato a Bourj el-Barajne, rivendicato dall'Isis: 43 morti e 239 feriti. L’obbiettivo era colpire gli “apostati” sciiti e gli Hezbollah, che appoggiano Assad.

10/11
2015

<voxnews adnkronos dailymail independent>: video choc di 2014.08: Isis giustizia 200 prigionieri, molti dei quali ragazzini [CzzC: attendo conferme di autenticità: già abbiamo visto qualcuno seminare falsi per indurre diffidenza anche sulle notizie vere]

06/11
2015

Su Islam e politica la diagnosi del prof Campanini <diocesiPD 2015.11.06>: Storicamente lo Stato islamico non è mai esistito ... Nella storia dell'Islam si è dato uno Stato utopico che è quello del profeta, poi modelli vari ... Un Islam che non è mai stato politico ... Noi abbiamo l’idea che l’Islam politico sia irrazionale e medioevale, una visione di un gruppo di pazzi fanatici. È un'immagine del tutto sbagliata, perché non è un modello del passato, ma è un fenomeno del moderno, dovuto alla globalizzazione» [CzzC: commento]

26/10
2015

<tempi>: a Mosul, 2ª città dell’Iraq, capitale del Califfato, in un solo mese 215 persone sono state giustiziate, 118 frustate, 88 hanno avuto una mano amputata, bambini reclutati per la guerra santa ...

25/10
2015

<tgcom24 lastampa>: Isis-Iraq, Blair "ammette errori: dopo invasione ascesa Stato islamico": Tony Blair, ex premier britannico, ha chiesto scusa per errori su alcuni aspetti della guerra in Iraq ed ha ammesso che ci sono "elementi di verità" nella teoria di un legame tra l'invasione e l'ascesa dello Stato Islamico.

16/10
2015

<tempi>: «Nazareni, convertitevi o morirete». Cristiani assiri minacciati. Non in Iraq, ma in Svezia a Goteborg: sul negozio di Markus Samuelsson è stata dipinta la “N” araba con cui l’Isis marchiava le case dei cristiani a Mosul [CzzC: conseguenza di?]

09/10
2015

<tempi>: schiave yazide torturate dall’Isis. «Ci stupravano e ci costringevano ad abortire». Noor, 22 anni, racconta alla Cnn: «L’uomo che mi ha comprata mi ha detto: “Diventerai musulmana se 10 combattenti ti stupreranno”.

09/10
2015

<asianews>: Vescovo siriano Hindo: l’ambigua politica Us favorisce l’Isis. Le operazioni statunitensi sono "solo di facciata, in realtà hanno lasciato liberi di agire i jihadisti", come conferma la vicenda del rapimento dei cristiani.

08/10
2015

<giornale>: Obama finge contro Isis? Quando gli Us fanno sul serio la loro force de frappe è devastante per intensità e potenza; invece quando, come accade in Siria contro l’Isis,  si limita a dei raid dimostrativi, significa che la vittoria finale non è la vera priorità e le operazioni hanno più che altro fini mediatici.

08/10
2015

<foglio>: undici cristiani decapitati e crocifissi in Siria: sulle croci il cartello infedele [CzzC: Campanini ci direbbe che è impossibile, perché così gli jihadisti avrebbero perso la jizya]

29/09
2015

<sole24h>: Bangladesh: ucciso cooperante italiano che lavorava per ong olandese: Isis rivendica <ansa> così: una pattuglia ha preso di mira lo spregevole crociato Cesare Tavella in una strada di Dacca, dove gli è stato sparato a morte, sia lode a Dio; ai membri della coalizione crociata diciamo: non sarete sicuri nelle terre dei musulmani. E' solo la prima goccia di pioggia.

24/09
2015

Dopo aver letto [infoconsapevole, tempi, beppegrillo, giornale], che stanno mandando un rappresentante dell’Arabia Saudita al vertice del Gruppo Consultivo di UNHRC (Commissione ONU per i diritti umani), ti inviterei a leggere ed eventualmente condividere e diffondere questo appello: «al vertice di UNHRC possano accedere solo rappresentanti di Paesi che hanno sottoscritto la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani»

23/09
2015

<stampa>: Usa, John Kerry: “Vogliamo distruggere l’Isis. La Russia non può continuare a sostenere Assad[CzzC: getta pure la maschera, il mondo più sano e libero ha capito che a certi massi sulla via della Pace inciuciati con i turco-wahhabiti preme distruggere Assad ben più che Isis, costasse ultimare la diaspora dei cristiani e scontrarsi con la Russia: meno meno male che questa c’è]

21/09
2015

<catenaumana>: Abu Khalid, soprannominato ‘imam di Melbourne’: «la schiavitù islamica è il più grande onore per le donne non musulmane»: è - se così possiamo definirlo – un ‘australiano’ dell'Isis che è apparso in un video di propaganda ISIS

19/09
2015

<awdnews>: Corbyn: l’Occidente ha creato l’Isis: l'Occidente è responsabile della nascita del gruppo Takfiri Isis in Medio Oriente. A renderlo noto Jeremy Corbyn il nuovo leader del Partito laburista britannico.

17/09
2015

<Giornale>: Il vescovo di Aleppo: "Fateci restare in Siria, la Turchia aiuta l'Isis" "Voi cristiani d'Europa dovreste battervi per impedirci di lasciare il nostro Paese. Invece ci lasciate soli"

13/09
2015

<foto/fb> bambino cristiano crocifisso da Isis [CzzC: non so con certezza se sia cristiano, né se i carnefici siano dell’Isiis: certo è che non riusciamo più a trovare aggettivi adeguati per descrivere la bestialità espressa al grido di AllahAkbar o la vigliacca complicità dei nostrani potenti lumi, paghi dei guadagni con i nababbi dei petroldollari e grati loro perfino per la sudditanza (tale è il significato di islam) che semina il loro proselitismo nei paesi ex cristiani, sudditanza assai utile ai padroni del mondo, ben più utile dell'irriducibile libertà imparata dai seguaci di Cristo, che, guarda caso, diede anima perfino a quella forma di cristianesimo impazzito che si chiamò comunismo, oggi addomesticato a tal punto dalla cultura dominante, che, chi ci tirava in piazza sventolando bandiere rosse contro la guerra del Vietnam, oggi è in prima fila a vietarci di contrastare questa propagazione di disumanità.]

11/09
2015

Obama costringe greci e bulgari a vietare sorvolo aerei russi anti Isis: aerei che da giorni stanno portando mezzi e consiglieri militari in Siria per rafforzare l’esercito di Bashar Assad [CzzC: grazie masso Nobel pace, eppure ammettesti le tue responsabilità nella nascita di Isis: si capisce che per te e per i tuoi alleati wahhabiti è meglio Isis che Assad, ma per il bene dell’umanità NO: te l’ho anche scritto, pregandoti di cambiare questo cinico dannoso comportamento]

08/09
2015

<tempi>: Siria. Isis costringe i cristiani a firmare il “contratto di sottomissione”: vietato costruire chiese, farsi sentire da musulmani durante le preghiere, obbligo pagare una tassa di circa €200 e ... [CzzC: il terribile è che abbiamo laicisti in Europa che, tolti per ora i modi cruenti, non disdegnerebbero analoghi contratti di sottomissione contro i cattolici]

29/08
2015

<avvenire>: atrocità senza fine: 3.156 i giustiziati in Siria di cui si è avuta notizia da 14 mesi a questa parte. A Sirte l'autoproclamato emirato Isis: "Decapiteremo i ribelli dell'opposizione dopo la preghiera del venerdì, gli abitanti di Sirte consegnino le loro figlie ai combattenti che le sposeranno", ha proclamato ieri il leader locale dell'Isis, Hassan al Karami, in un sermone nella moschea al Rabat di Sirte.

19/08
2015

<stampa, repubblica>: Le “Sun Girls” yazide dichiarano guerra all’Isis: “Ci hanno violentato, noi li uccideremo”. Xate  una musicista folk ha dato vita a una milizia tutta al femminile: 123 ragazze tutte animate da uno spirito di vendetta implacabile.

16/08
2015

<bussolaq/Nyt>: Il 13/8 il New York Times pubblicò reportage di Rukmini Callimachi sulla «teologia dello stupro» dell’Isis. La Callimachi descrive mercati dove cinquecento o anche mille donne sono esaminate dai potenziali compratori e poi vendute all'asta. L'organizzazione è molto articolata, con decine di mercati delle schiave, e sistemi gestiti dallo Stato Islamico di «deposito» e di trasporto, come se si trattasse di una comune merce. [CzzC: grazie ai danni da potentati]

13/08
2015

<tempi> efferatezze Isis raccontate da una bimba: Mike Enright, foreign fighter inglese di 51 anni da cinque mesi combatte contro il Califfato unito all’esercito curdo. Narra a Repubblica: sono ad Hassakè, la città siriana che il 3/8 è stata liberata dai jihadisti che l’avevano presa  nel 2012. «Lì ho trovato oltre a qualche anziano una bambina. Istintivamente le ho chiesto cosa stesse facendo in quell’inferno e lei ha risposto che era l’unica a essere sopravvissuta al massacro. È stata costretta a guardare mentre i miliziani dell’Is sgozzavano sua madre. Prima avevano tagliato la testa agli zii e gliel’avevano appoggiata sulla pancia». [CzzC: e tu Obama appoggeresti Erdogan che vuole bombardare i Curdi e vorresti bombardare Assad? Lo sai che Curdi e Assad sono praticamente gli unici che contrastano efficacemente Isis sul terreno?]

09/08
2015

<tempi>: «Cristiani, siamo venuti per uccidervi» gridava Isis. Videoreportage da Maloula, culla della cristianità siriana, città dove si parla un dialetto aramaico simile se non uguale a quello che parlavano Gesù e i primi discepoli

 

08/08
2015

<corriere> Lo Stato Islamico non è virtuale: così l’Isis governa e uccide: pizzo sui commerci e schiave, ma i jihadisti si occupano pure di scuole: un vero apparato, capillare, burocratico, inflessibile, pratico. [CzzC: cincischi d’estate ad evidenziare l’evidente, caro Corriere: perché non evidenzi che Isis sarebbe assai meno pratico se non fosse stato foraggiato da wahhabiti, Obama ed Erdogan?]

07/08
2015

<corriere>: Siria, Isis rapisce almeno 60 cristiani dopo la conquista di al Qaryatayn: Tra i sequestrati, alcuni prelevati da una chiesa, ci sarebbero 19 minorenni e 45 donne [CzzC: inerte l’occidente cristiano, anzi il masso Nobel Pace Obama vuole bombardare Assad come Erdogan vuole bombardare i Curdi: Assad e Curdi sono quasi gli unici che colà non diasporano i cristiani e contrastano sul terreno l’Isis. ... continua ...].

06/08
2015

<tgcom24>: Isis, 19 donne giustiziate a Mosul per aver rifiutato sesso con miliziani: la notizia è stata diffusa dal portavoce del Partito democratico curdo iracheno della città: la più giovane aveva 14 anni

03/08
2015

<aleteia>: Le schiave sessuali dell'ISIS: donne cristiane e yazidi continuano ad essere abusate da mostri fanatici: "Sono stata stuprata 30 volte e non è ancora neanche mezzogiorno. Non sono in condizioni di andare al bagno. PER FAVORE, BOMBARDATECI". [CzzC: grazie, masso Obama Nobel pace, per aver foraggiato e armato ed addestrato mostri anti Assad che, per quanto spietato con gli avversari politici, mai era arrivato a sterminare inermi con l’enormità efferata dai suoi nemici foraggiati da te, Erdogan e wahhabiti]

31/07
2015

<tempi>: aiutare i ribelli moderati anti Assad equivale ad aiutare Isis: lo spiega il patriarca greco-cattolico di Antiochia Gregorios III Laham: «Quando l’Occidente aiuta direttamente i [ribelli] moderati in Siria, aiuta indirettamente lo Stato Islamico. Se voi un giorno date dei soldi ai gruppi deboli e moderati, quegli stessi soldi si ritroveranno il giorno dopo nelle mani dei gruppi più forti. Noi vediamo questa cosa accadere ogni giorno». ... continua ...  [CzzC: il problema non è che Obama e Erdogan siano ingenui: sanno bene quale sia la destinazione effettiva dei loro aiuti, mentre la destinazione ufficiale transitoria (ai ribelli moderati) servirebbe per dissimulare l’inconfessabile strategia, che ad Obama scappò di confessare per lapsus]

29/07
2015

<zenit, radiovat>: “Lo Stato Islamico è uno strumento nelle mani delle grandi potenze, da loro sono stati creati, armati e sostenuti”. La denuncia arriva da monsignor Georges Abou Khazen, vicario apostolico dei latini ad Aleppo, intervistato ieri sera da TG2000. [CzzC: vedi danni da potentati dei petroldollari]

23/07
2015

<tempi>: Il Mirror inglese rivela: c’è un campo di addestramento Isis a Osve in Bosnia, dal quale almeno 12 combattenti sono partiti per la Siria e l’Iraq

15/07
2015

<sole24h>: Isis celebra su Twitter l'attacco con cui in Tennesse un americano originario del Kuwait (M.Y. Abdulazeez) ha ucciso 4 marines (+feriti).

06/07
2015

<corriere>: Maria Giulia Sergio, 28enne italiana convertita all’Islam nel 2009 (nome Fatima): «Decapitiamo in nome di Allah» e si scaglia con ferocia contro i miscredenti. «Uccidiamo perché lo ordina la sharia».

01/07
2015

<corriere>: Maria Giulia Sergio, 28enne italiana convertita all’Islam nel 2009 (nome Fatima), partita nel 2014 per unirsi al Califfato in Siria. <repubblica>: «qui ammazziamo i miscredenti per allargare  l’Is» ... «Al Bagdadi ha chiarito che chi non può venire qua (in Siria Ndr) deve fare la jihad nei Paesi in cui si trova!». La sorella le risponde con una domanda: "La jihad qui (in Italia Ndr) in cosa consiste?". Fatima si scalda: «Significa uccidere i miscredenti! Loro non vogliono lo Stato islamico». <AUDIO da repubblica e corriere>: dobbiamo stare solo sotto la sharia, non la democrazia, bisogna tagliare la testa alla gente che dice “no il jihad non c’è” perché sono loro che hanno rovinato l’islam a quello che è oggi con la democrazia

30/06
2015

<tempi>: Gerusalemme. Volantini contro i cristiani: «Andatevene o sarete sgozzati come pecore». Dopo l’incendio doloso della chiesa della Moltiplicazione in Israele, un altro caso di «violenza anticristiana». La firma è dell’Isis ma non v’è certezza su chi siano i veri responsabili

29/06
2015

Dall’alto gli insegnamenti ad uccidere: <lastampa>: il terrorista di Sousse/Tunisia, frequentava il centro di culto nella città di Kairouan. Il padre del killer: uno manda il figlio all’università e lo indottrinano in questo modo. [CzzC: ci chiediamo perché la cultura dominante e le relative potenti matrici inciuciate coi petroldollari non perseguano i regimi (ad es.) foraggiatori dei maestri di odio, fino a lasciarli assisi nelle commissioni ONU per i diritti umani, mentre con diligente acredine accusano il Vaticano di tortura]

26/06
2015

<tgcom24>: attacco Isis a Sousse/Tunisia mattanza in spiaggia 39 vittime. <lastampa>: Isis rivendica

26/06
2015

<giornale>: L'Isis torna a Kobane, accuse alla Turchia: «I miliziani arrivano da Ankara»: massacro fra i civili: uccisi 23 donne e bimbi.

23/06
2015

<today>: Isis addestra bambini a fare i terroristi: nuovo scioccante video: calci e jihad per bambini nella provincia siriana di Raqqa tra armi e "Allah u Akbar"

23/06
2015

<sussidiario>: perché Obama prospetta truppe di terra in Est-Europa contro Mosca e non in Iraq e Siria contro Isis? [CzzC: a mio avviso perché il jihad dell’Isis potrebbe servire ai petroldollari che temono sinergie Europa-Russia, che sminuirebbero i privilegi della supremazia US e al suo posto farebbero della nostra area il centro economico-strategico mondiale]. Vedi Isis che accetta la richiesta di adesione di alcuni gruppi jihadisti caucasici e la formazione della Wilayat Qawqaz (provincia del Caucaso) comprendente Cecenia, Inguscezia, Daghestan e altri territori limitrofi. L'obiettivo del jihad in Russia e nel Caucaso è più che contemplato da Isis che in un video si è rivolto direttamente al presidente russo: "Questo messaggio è per te, Vladimir Putin, questi aerei che hai inviato a Bashar, noi li manderemo a te. Libereremo la Cecenia e tutto il Caucaso, se Dio vuole. Il tuo trono è minacciato e cadrà quando arriveremo a casa tua". Fra le fila di Isis ha combattuto anche Abu Omar Al-Shishani, forse ucciso il 13/11/2014; in Cecenia operava Doku Umarov ovvero il "Bin Laden di Russia".

22/06
2015

<tempi>: «Rinnegare la fede? Impensabile. Per noi cristiani iracheni credere è essere». In un libro-intervista (Più forti del terrore, Emi) il patriarca di Baghdad Louis R. Sako racconta la situazione del suo popolo a un anno da quando centinaia di uomini vestiti di nero entrarono a Mosul, l’antica Ninive, intimando ai nazareni: o vi convertite o lasciate la città, pena la decapitazione.

17/06
2015

<M.Introvigne>: Tutti i problemi di una vera guerra all’Isis: monta la teoria del complotto, ovviamente antiamericana e antisraeliana. È vero. Barack Obama manca del tutto, e non da oggi, di una politica estera ragionata e coerente, ... ma questo non significa che l’Isis sia un prodotto della Cia ... [CzzC: però li ha addestrati e ora, sfuggitigli di mano, li bombarda senza poterli vincere]

09/06
2015

<tempi>: Un anno fa lo Stato islamico conquistava Mosul: 30.000 soldati dell’esercito iracheno fuggirono davanti ai 1000 dell’Isis. Come si vive oggi sotto la sharia del califfato? Frustate a chi fuma una sigaretta, mano amputata ai ladri, gli adulteri vengono gettati giù dai palazzi e le donne lapidate, case cristiane confiscate, atrocità inimmaginabili, maestri di odio a scuola.

30/05
2015

<ilfattoq>: Isis, chi lo finanzia? Americani e alleati, ammette un candidato repubblicano alla Casa Bianca per le presidenziali 2016, Rand Paul, senatore, libertario, non-intervenzionista, è sicuro che dietro l’ascesa dell’Isis ci sono gli americani, ... continua ...

29/05
2015

<giornale>: "Erdogan aiuta l'Isis": il quotidiano di opposizione pubblica un filmato che mostra come le autorità starebbero portando armi ai jihadisti in Siria

27/05
2015

<introvigne>: come avanza l'ISIS, chi lo finanzia, perché ci minaccia. Ultimi aggiornamenti presentati da Massimo Introvigne a Torino.

21/05
2015

<giornale da Avvenire> pur avendo assistito a un vero e proprio genocidio, non odia gli uomini dell'Isis Monsignor Petros Mouche, arcivescovo di Mosul dal 2011: nel 2003 i cristiani erano 50mila, nel 2014 tremila, oggi "Ufficialmente non ce n’è più nemmeno uno e il mondo non ha ancora capito". Ma non prova odio per i miliziani dell’Isis, anzi: "No, non li odio. Prego perché Dio possa cambiare il loro cuore. Il cuore dei miliziani dello Stato islamico". Non solo: "E prego anche perché i cristiani iracheni possano perdonare. Possano ritrovare la pace. E possano tornare a vivere e a pregare nelle loro terre".

30/04
2015

<oasis>: Bambini al jihad come “leoncini” del Califfo. Li chiamano i “leoncini” ma dietro questo nome in stile Disneyland si nasconde la tragica realtà di troppi bambini reclutati da Isis, fenomeno contro il diritto internazionale, ma anche contro la stessa legge islamica. Mentre continua l’azione sistematica di distruzione di chiese e monasteri nell’attesa apocalittica dell’Ultima Ora, come evoca il titolo Dabiq della rivista patinata dello Stato islamico ...

19/04
2015

<corriere>: Libia, l’Isis fa strage di cristiani: assassinati 29 etiopi copti. Una ripetizione di quanto avvenne a Sirte in febbraio fa con la barbara uccisione degli egiziani copti e di un povero ghanese. [CzzC: i have a dream: che le massime autorità dell’islam, mettano fuori legge chi facesse del male al prossimo per presunto motivo di coscienza e espressione, compresa l’abiura e la blasfemia. Firmo solidarietà con i cristiani etiopi.

17/04
2015

<giornale>: La Turchia aiuta il Califfato isis ospitando avamposti logistici e di sicurezza: ecco le prove che inchiodano Erdogan

16/04
2015

<asianews, oasis> Ex jihadista scappa dallo Stato islamico: Dovevamo uccidere tutti, senza pietà. Un giovane tajiko è riuscito a far ritorno in patria e a raccontare come è stato reclutato dai militanti dello Stato islamico. I terroristi volevano costringere lui e i suoi compagni a uccidere bambini, donne, ebrei, sciiti.

08/04
2015

<tempi>: Siria. A Yarmuk i jihadisti «giocano a calcio con le teste mozzate dei palestinesi». Le terrificanti testimonianze degli abitanti riusciti a scappare dal campo profughi alle porte di Damasco. Dopo una settimana di assedio da parte dello Stato islamico e di Al Qaeda le vittime potrebbero essere più di mille.

08/04
2015

<voxnews>: Isis: guardate come mandiamo all’inferno gli infedeli (foto dei corpi proiettati verso l’alto dall’esplosione di un’autobomba a Tikrit)

20/03
2015

<today>: arriva la rivendicazione dell’Isis per l’attentato a Tunisi: al museo del Bardo uccisi crociati e apostati: è solo una goccia di pioggia.

20/03
2015

<avvenire>: Isis distrugge il monastero di Mar Behnam: dinamite contro il patrimonio culturale luogo e simbolo cristiano nella Piana di Ninive.

20/03
2015

<repubblica>: Onu: Isis colpevole del genocidio di yazidi in Iraq: rapporto con testimonianze di >100 tra vittime e testimoni degli assedi portati dai jihadisti nei villaggi del nord: donne e bambine violentate e usate come schiave sessuali e ragazzini condannati a morte per aver guardato una partita di calcio. "La Corte penale internazionale persegua i responsabili". [CzzC: e non chi li foraggia?]

17/03
2015

<ilpost>: Obama ammette responsabilità Us su nascita Isis: «L’ISIS è una emanazione diretta di Al Qaida in Iraq che è stata generata dalla nostra invasione. È un esempio di conseguenza indesiderata ed è per questo che dovremmo in generale prendere bene la mira prima di sparare»..» [CzzC: la tua responsabilità sulla nascita di Isis è maggiore di quella che fece  sbagliare  Bush anti Saddam: addestrando miliziani contro Assad (pro e con wahhabiti e Turchia) concorresti tu con finanza ed armi alla nascita di un Isis così micidiale, caro Nobel.pace. Continua]

17/03
2015

<corriere>: Mossul: drappi neri dell’Isis sulle chiese: il «Media Center del Califfato nella provincia di Niniveh» presenta il «documentario fotografico #16» dedicato alla «distruzione del politeismo e alla rimozione delle croci». [CzzC: chissà quanti nababbi dei paesi foraggiatori dell’Isis (wahhabiti, turchi, Us) ricettano opere d’arte da scempio Isis: da povere chiese vien loro nulla, ma per i proventi da musei saccheggiati hanno forse sogghignato tra baffi e barba].

13/03
2015

<giornalettismo> 5 ragioni per cui fallirà ISIS, elencate dal quotidiano Die Welt:  isolamento internazionale, debolezza militare, gli alleati scappano via, conflitti interni, follia religiosa. [CzzC: Die Welt non dice quando Isis fallirà, né dice se finirà il terrorismo di matrice islamista, posto che scompaia l’Isis: contro Bin Laden si scatenò la forza di mezzo mondo in Afganistan, eppure ... Finché l’islam non metterà fuori legge il comminare male fisico ad inermi per abiura o blasfemia, il terrorismo di matrice islamica tormenterà il mondo: se l’islam cessasse di perseguitare abiuri e supposti blasfemi cesserebbe il terrorismo di sua matrice? Non sarebbe una condizione sufficiente per farlo cessare, ma necessaria sì.]

10/03
2015

<liberta.it>: libro il grande Califfato, scritto da  Domenico Quirico, giornalista rapito in Siria nel 2013: “minaccia concreta, ne sentiremo parlare a lungo”. [CzzC: annoto 29/06 dopo averlo udito a Radio24 post attacco a Sousse/Tunisia]

26/02
2015

<avvenire>: l'Isis distrugge l'arte e le antichità conservate nel museo di Mosul/Iraq risalenti all'impero assiro [CzzC: chi li ha foraggiati, tra cui gli Us, si cruccia forse più per lo scempio di opere d'arte che per quello dei cristiani: altri 200 rapiti ieri e almeno 15 uccisi in Siria]

23/02
2015

<ultimora24>: Boulos Yacoub prete cattolico decapitato 18/02 dall’Isis: notizia censurata da TV e giornali: “era un sacerdote che professava la sua fede in Siria: le uniche fonti che hanno citato il deplorevole omicidio sono le curie delle province italiane tramite un comunicato stampa interno.

14/02
2015

<avvenire e mia pag specifica> La bandiera nera dell'Isis avanza in Libia e arriva a Sirte mirando a sventolare anche oltremare. [CzzC: sta’ a vedere che ora gli USA mirano a far impiegare soldati italiani in corpo a corpo contro Isis, costasse così offrire ai jihadisti il pretesto di un’anticrociata terroristica a Romacorriere

Gentiloni, sei ingenuo o ci fai? Chi ti ha legittimato ad annunciare al mondo che l’Italia è pronta a combattere in Libia contro Isis, ancorché sotto egida ONU?

Sta’ attento a non fare il gioco degli illuminati che in Libia abbatterono Gheddafi contro la nostra volontà, facendo solo i nostri danni, e volendocene forse infliggere di ulteriori; hai letto l’abbondante documentazione su come la Jihad Islamica sia stata sempre sostenuta sottobanco dalla Cia? Avresti dovuto dire semmai che l’IT offrirebbe le basi a una missione ONU, ma non gli uomini sul terreno libico, perché quelli li devono mettere gli abbattitori di Gheddafi, che hanno primaria responsabilità sul disastro umanitario in Libia,Siria, Iraq, ...]

12/02
2015

<leggo>: Isis, sgozzati 21 cristiani copti in Libia; su twitter le foto choc dell'ennesimo orrore. <tempi>: il video diffuso dall’Isis mostra i cristiani pronunciare il nome di Gesù Cristo prima di essere decapitati. La Chiesa copto-ortodossa li ha dichiarati martiri.

06/02
2015

<2duerighe>: «Bimbi decapitati, crocifissi, venduti come schiavi e sepolti vivi», questo è l’ISIS. Un documento dell’ONU presentato a Ginevra

03/02
2015

<manifesto> Isis brucia vivo pilota giordano. <2duerighe>: e ne diffonde video nella piazza di Raqqa, città siriana scelta come capitale del Califfato, nel quale, tra l’esultanza generale di quanti assistevano a questa esaltazione mediatica, viene mostrato un bambino di circa otto anni che sorridendo dichiara la sua intenzione «di catturare e bruciare dei piloti».

24/12
2014

<corriere>: Un reporter tedesco racconta del periodo trascorso con gli uomini di Al Baghdadi. «L' Occidente sottovaluta pericolo, sono peggio di uno tsunami»

20/12
2014

<avvenire>: 150 donne irachene uccise dall’Isis per essersi rifiutate di sposare i miliziani cui erano destinate: fonte Ministero iracheno per i diritti umani.

16/12
2014

<tempi>: Iraq. «Lo Stato islamico usa due chiese di Qaraqosh come camere di tortura. Dentro cristiani trattati come schiavi»: Padre Abu Aasi fuggito: «Conosco alcuni dei prigionieri. Tre sono morti perché si sono rifiutati di curarli»

12/12
2014

<tempi> Stato islamico, Sako chiede un sacrificio per Natale: «Questa razza di demòni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno»

02/12
2014

<tempi>: Storia di Aria, 16 anni, yazida, violentata da un jihadista. Ha visto uccidere il padre e il fratello e da allora non ha più notizie della madre e delle due sorelle. Ora si trova in un campo profughi a Dohuk, è incinta di sei mesi e racconta il suo incubo fatto di percosse, torture, stupri e degrado. «I jihadisti dell’Is ci hanno chiesto più volte di convertirci all’islam, minacciando che altrimenti avrebbero ucciso tutti i membri della nostra famiglia. Alcune hanno ceduto al ricatto per salvare il padre, il marito, o il fratello». Le Nazioni Unite: dopo la caduta di Mosul, 1500 tra donne e ragazzi hanno subito violenza.

28/11
2014

<oasis> la chiamata al jihad del sesso, promossa con certo successo sul web come possibilità per le donne di offrirsi come spese temporanee ai combattenti in Siria e in Iraq. Alcune fatwe la supportano, altre la condannano. Un quadro sintetico di come i media arabi la presentano.

08/11
2014

<tempi> Pascale Warda, cattolica caldea, ex ministro per i rifugiati nel dopo Saddam: «Il nostro esercito è inaffidabile, troppi musulmani hanno accolto l’Isil a braccia aperte ... Lo Stato islamico vuole il genocidio dei cristiani e la comunità internazionale non ci aiuta. Non bastano le bombe»

05/11
2014

E’ noto come la cultura dominante dalle nostre parti, abbagliata dai lumi anticristiani e devota della dea pecunia incensata coi petroldollari, alimenti il negazionismo delle persecuzioni contro i cristiani; ma senti cosa insegna questo luminare di UniTN, oltre a voler dimostrare che porsi il problema della persecuzione dei cristiani sia un errore: Qui c’è il problema storico secondo il quale si dice che una tendenza dei musulmani era quella di imporre la conversione con la spada: ma questo non è vero per una serie di motivi tra cui uno molto banale, cioè che i musulmani, quando conquistavano i paesi non musulmani, ai non musulmani imponevano una tassa: allora gli arabi scoraggiavano le conversioni, perché altrimenti non prendevano le tasse; una dimostrazione di questo fatto è che l’Egitto conquistato dagli arabi nel 642 è diventato maggioritariamente musulmano 4 secoli dopo [mp3]

05/11
2014

<avvenire> oltre 500 membri della tribù degli Albunimr in Iraq sono stati trucidati dall’Isis negli ultimi dieci giorni, nel corso di un'offensiva nella provincia occidentale di Al Anbar. <ansa.it> Orrore jihadista senza fine. "Centinaia di uomini appartenenti alla tribù Albonemer, sono stati sepolti in una fossa comune ad Heet, 130km ad ovest di Baghdad" lo affermano testimoni all'agenzia di stampa turca Anadolu, aggiungendo che gli uomini erano stati sequestrati e poi uccisi per vendetta contro la loro tribù che aveva cercato di impedire all'Isis di conquistare la zona situata ad ovest di Baghdad

31/10
2014

<tempi>: Fosse comuni ed esecuzioni sommarie in piazza per gli «apostati»: l’ordinaria amministrazione del Califfato; <ansa>: allarme Onu: 15 mila combattenti stranieri per l’Isis; appello dell'Isis ai musulmani egiziani a "sostenere gli eroi e i leoni del Sinai che non temono nulla per la creazione di uno Stato islamico"; il leader dello Stato islamico Abu Bakr al Baghdadi è stato nominato capo del Califfato di Derna, città all'est della Libia controllata dai jihadisti; orrore jihadista senza fine in Iraq. "Centinaia di uomini sono stati sepolti in una fossa comune ad Heet, per vendetta contro la loro tribù che aveva cercato di impedire all'Isis di conquistare la zona situata ad ovest di Baghdad”

25/10
2014

<lastampa>: Avvocatessa Samira al Nuaimy giustiziata in pubblico dall’Isis a Mosul con l’accusa di apostasia. Era molto attiva sui social network e aveva denunciato la distruzione dei siti religiosi considerati «eretici» dall’Isis.

22/10
2014

<Avvenire> patriarca caldeo di Baghdad Sako denuncia un piano per parcellizzare il Medio Oriente «Non c’è una decisione chiara per liberare quelle regioni dai fondamentalisti». [CzzC: inciucio con jihad: a potentati US-UK e ad alcuni loro alleati stramatori di diritti umani potrebbe star bene l’avanzata degli jihadisti filo sunniti, i cui primari regimi ingrassano di petroldollari borse occidentali e armatori Nato: occorrerebbe frenare qualche sgozzatore troppo intraprendente, ma gli jihadisti anticristiani e antisciiti sarebbero manovalanza utile per operazioni sporche da ordire dissimulando la mano dei burattinai. Vedi anche danni da potentati.]

18/10
2014

Galantino in Iraq tra i profughi cristiani: Un gemellaggio tra le diocesi e tra le famiglie per aiutare i profughi di Erbil, migliaia di cristiani in fuga dal terrore.

12/10
2014

Isis, 4 donne assassinate dai jihadisti nel nord dell'Iraq: due erano medici, una era diplomata in diritto e un'altra un politico; i Jihadisti avanzano in Iraq, "Anbar può cadere in 10 giorni"; oltre 550 morti a Kobane; a Londra "migliaia" di sospetti terroristi sono sorvegliati da Scolatnd Yard. [CzzC: grazie Obama per i disastri che hai favorito in inciucio coi foraggiatori di Jihadisti filo wahhabiti: chiedi aiuto agli sciiti, Iran compreso, per riparare almeno un po’di cotanti danni]

04/10
2014

<Osserv.romano/Parolin>: «È lecito fermare l’aggressore ingiusto nel rispetto del diritto internazionale, ... ma non si può affidare la risoluzione del problema alla sola risposta militare: esso va affrontato più approfonditamente a partire dalle cause che ne sono all’origine e vengono sfruttate dall’ideologia fondamentalista». Un ruolo importante in questo senso «dovrebbero svolgere i leader religiosi, cristiani e musulmani, collaborando per favorire il dialogo e l’educazione alla reciproca comprensione, e denunciando chiaramente la strumentalizzazione della religione per giustificare la violenza».

 

02/10
2014

<lastampa> Il calvario delle yazide “Vendute come schiave al mercato di Mosul” Sara è riuscita a fuggire e ora si trova in un campo profughi a Dohuk, e oggi racconta il suo incubo fatto di percosse, torture, stupri e degrado.

26/09
2014

<Sentire>: orrore dell’integralismo (ennesima decapitazione, questa volta di un turista francese in Algeria): rapporto di Amnesty International sull’Isis: "Pulizia etnica di dimensioni storiche. Lo Stato islamico prende sistematicamente di mira le minoranze del nord dell'Iraq".

24/09
2014

E’ anche per brandire la superiorità della sua decisione di bombardare la Siria, frenata un anno fa dalla opposizione della Russia e di Papa Francesco, che ora l’Obama Nobel Pace bombarda il suolo siriano senza chiedere il permesso al filo sciita Assad ed avvalendosi di quegli stessi sunniti (Arabia ed emirati) che foraggiarono con petroldollari ed armi targate US i jihadisti anti Damasco. Credi che i creatori del micidiale giocattolo jihadista vogliano davvero distruggerlo? E’ più probabile che

- intendano dissuadere i disubbidienti, sopprimendo qualche capo Isis che, sfuggito di mano ai foraggiatori, li minacciò;

- lascino il giocattolo funzionante per eliminare cristiani e sciiti, troppo credibili critici del Wahhabismo che consente a pochi nababbi di sottomettere milioni di sudditi (islam=sottomissione), benchmark per altri nababbi che trovano meno facile soggezione nei paesi che hanno imparato dal cristianesimo libertà e dignità di ogni persona umana.

Confidiamo che i governanti US-UK cessino di farsi chiudere gli occhi sui diritti umani da fondi sovrani che gli acquistano armi e prodotti finanziari; cessino di sanzionare una Russia, ben più rispettosa dei diritti umani, che in Ucraina difende il diritto all’autodeterminazione dei russofoni.

17/09
2014

<CasaBianca>: piano US contro Isis: 1) ISIL minaccia l'America ei nostri alleati. 2) Gli US continuano a condurre raid aerei mirati contro ISIL. 3) Le forze americane che sono state dispiegate in Iraq non hanno e non avranno una missione di combattimento. 4) Questo non significa che quella dell’America sia una battaglia solitaria. 5) Il Congresso dovrà dare le autorizzazioni e le risorse che le forze armate US necessitano per avere successo. [CzzC: caro Obama, tra gli alleati conti anche Arabia Saudita e Turchia che stanno aiutando i terroristi? Perché non spendi una sola parola sugli errori e di danni US in MO?]

09/09
2014

Onu: lo Stato islamico usa i bambini come kamikaze: 700 minori massacrati o mutilati dagli islamisti. Bambini fino a 13 anni sfruttati per trasportare armi.

08/09
2014

Fondazione AVSI lancia una raccolta fondi a sostegno dei profughi iracheni, in gran parte cristiani, che hanno trovato rifugio nell’area di Erbil, nel Kurdistan iracheno, in seguito agli scontri tra Stato Islamico e milizie curde nel nord-est dell’Iraq. L’intervento consisterà sopratutto nella fornitura di beni essenziali e supporto al pagamento degli affitti, in partnership con il Patriarcato Caldeo e la Caritas irachena. Come donare

30/08
2014

<peacelink>: E’ concreto il rischio che i novelli Frankenstein Nato/Golfo riuniti nel gruppo degli “Amici della Siria (ora “Gruppo di Londra”; la loro breve ma perversa storia è raccontata qui) approfittino della mostruosa creatura uscita dalle loro guerre aperte o occulte, l’ormai famigerato Stato islamico (Isis) per passare da un intervento per procura a un “intervento umanitario” , occupando così la Siria e realizzando, finalmente, il loro tanto agognato regime change al quale hanno già dedicato tre anni costati al popolo siriano infiniti lutti. Tre anni costellati da bombardamenti effettuati da Israele e Turchia, dall’infiltrazione di uomini armati, da aiuti ai gruppi armati “dell’opposizione” operanti in Siria.

21/08
2014

<gadlerner> Arabia Saudita arma e finanzia l’Isis: alimenta un islam salafita, estremista, fondamentalista e anche jihadista: le milizie dell’autoproclamatosi califfo al-Baghdadi godono di un indiretto ma decisivo supporto di Riad. Mai rivendicato, ma neppure smentito.

05/05
2014

Voi cristiani meritate la decapitazione” Sally Jones, la rocker britannica del Califfo, prima di urlare così, dopo essersi velata islam, vestiva mini gonne di pelle, cantava rock, si occupava di magia nera e stregoneria, e gestiva, da sola, due figli, accogliendo uomini ad ogni ora. Jihadisti occidentali: amanti del Corano o delusi dalla vita? Secondo Mehdi Hasan (il Foglio 26/08) gli occidentali, in particolare britannici, che partono per la guerra santa, e sgozzano infedeli in nome dell’Islam, non sono anzitutto uomini infervorati dal Corano, ma mossi da sdegno morale, disaffezione, noia, ricerca di nuova identità, bisogno di senso, di scopo, di appartenenza. [CzzC: temo che più semplicemente si tratti del mal di Caino scatenabile dai maestri di odio nelle viscere umane peggio che nelle fiere, come nei cecchini che affluirono a Sarajevo per tirare al bersaglio su inermi umani con più fregola che sparare alla selvaggina].

03/09
2014

I video delle decapitazioni in Iraq: ecco perché non vanno mostrati. Commento di Marco Tarquinio: non dobbiamo farci intossicare dal contagocce dell’orrore.

02/09
2014

Cristiano irakeno torturato e ucciso da miliziani dello Is: da 3 settimane Salem Matti Kourk era barricato in casa per sfuggire agli islamisti. Terminate le scorte, ha cercato cibo: gli è stato offerto in cambio della conversione, ha rifiutato, è stato picchiato a morte e abbandonato in strada.

26/08
2014

A fronte del massacro di inermi montato dall’Isis anche con macabre sequenze mediatiche appare tiepida la condanna dei principali esponenti del islam sunnita, quasi assente quella dei filo wahhabiti, principali foraggiatori delle suddette belve assetate di sangue innocente: sto ascoltando a Radio anch’io un pur moderatissimo islamico che condanna quelle violenze e si chiede chi dia tanti soldi e armi a quei criminali: l’intervistatore dice che lo sappiamo e nomina l’Arabia Saudita, ma l’islamico per tre volte dice “non lo so” e accusa gli US e gli errori occidentali in Iraq: indovini caro fratello islamico ad additare gli errori dei potentati occidentali, ma inganni a negare per tre volte di non sapere chi sono i più cinici alimentatori di quelle belve; mentre l’islam sunnita delega ai droni US il contenimento degli eccessi bestiali, solo dall’islam sciita (vedi Al Sistani) si leva chiamata all’azione concreta anti Isis, ma sciiti significa filo Iran, guardacaso regime avversato dai potentati occidentali inciuciati coi petroldollari sunniti, ben più interessanti clienti in armi e piazze finanziarie.

21/08
2014

<Sentire> L’orrore dell’integralismo: La persecuzione dei cristiani in atto nel distretto di Mosul in Iraq ha scatenato anche la caccia agli occidentali: la morte di James Foley videoreporter che ha firmato molti reportage per l'AFP rientra in questo contesto. [CzzC: Isis precisa “siamo assetati del vostro sangue”; tra tanto orrore linko qui 20 slides pacate di Curdi, Cristiani e Yazidi resistenti all’Isis; appello dei patriarchi cattolici e ortodossi]

20/08
2014

<ilfattoq> Isis nsce dal sunnismo di Al Qaeda nella guerra in Siria, ma è più ricco e organizzato: conta oggi su circa 30.000 miliziani, va da Mosul (2ª città irachena) al capoluogo siriano di Raqqa; proclamato il 5 luglio scorso dal capo dello Stato islamico, Abu Bakr al Baghdadi, durante un sermone tenuto nella principale moschea di Mosul, di cui sono state diffuse le immagini su alcuni siti jihadisti.

20/08
2014

Una giovane nelle mani dei jihadisti è riuscita a contattare l’emittente tv curda Rudaw: «Ci scelgono per i loro emiri. Vengono tre o quattro volte al giorno. Le ragazze li implorano di sparargli in testa e liberarle dalla miseria ... Diverse ragazze si sono suicidate ... Salvateci, salvateci. Chiunque possa sentire la nostra voce, Stati Uniti, Europa, chiunque, per favore aiutateci, salvateci».

19/08
2014

Perché i cristiani sono così tanto perseguitati? Perché «l’organizzazione diabolica» jihadista dell’Isis attacca regioni abitate da cristiani yazidi e curdi invece che espandersi in aree sunnite verso Baghdad? Daesh si accanisce in aree dove i sunniti confinano con i suddetti per allettare la propensione dei correligionari alle razzie (parola araba). Anche se si riuscirà a cacciare i massacratori jihadisti, è compromessa la convivenza colà (vendette, diffidenze): ricucire la tela dell’Iraq multietnico e multi religioso sarà molto difficile. [CzzC: Διάβολος, diábolos, ("demonio colui che divide"). Danni da potenti labari rabberciati senza pentimento dai protagonisti]

13/08
2014

È mandatorio nell’islam perseguitare gli infedeli? Le efferatezze del Califfato sarebbero una risposta positiva all’interrogativo in titolo? Forse no se le maggiori autorità islamiche sciite e sunnite mandassero al diavolo con una fatwa califfi e loro foraggiatori: sconforta dubitare che osino fatware il foraggiatore numero 1 che ospita La Mecca; conforta che «Al-Azhar segue con attenzione quanto accade nel mondo arabo e musulmano e farà di tutto per contrastare pensieri devianti e anormali»; sconforta che il contrasto sia a livello di pensieri mentre gli anomali pensatori sgozzano, schiavizzano, cacciano gli infedeli a fuga nel deserto dopo aver vuotato d’acqua il biberon dei loro bimbi.

12/08
2014

Spagna: fermata la 14enne reclutata dagli jihadisti in partenza per l’Iraq: «Ha subito il lavaggio del cervello»

11/08
2014

Nonostante i bombardamenti aerei statunitensi le milizie dello Stato islamico hanno conquistato la città Jalawla. Massacri contro la minoranza Yazedi, crimini contro l’umanità, donne e bimbi sepolti vivi; caos politico a Baghdad. [CzzC: non credi anche tu che la situazione oggi in Iraq (ma anche in Libia e Siria) sarebbe migliore per i diritti umani di tutti (oltre che per i Cristiani) e per gli interessi di Italia-UE oltre che di US se questi, collusi coi wahhabiti, non avessero abbattuto Saddam e Gheddafi e foraggiato la rivolta anti Assad?]

10/08
2014

Papa all’Angelus: «migliaia di persone, tra cui tanti cristiani, cacciati dalle loro case in maniera brutale; bambini morti di sete e di fame durante la fuga; donne sequestrate; persone massacrate; violenze di ogni tipo; distruzione dappertutto; distruzione di case, di patrimoni religiosi, storici e culturali. Tutto questo offende gravemente Dio e offende gravemente l’umanità. Non si porta l’odio in nome di Dio! Non si fa la guerra in nome di Dio!».

09/08
2014

"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachena: AsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui".

04/08
2014

L’Isis sfonda nel nord petrolifero dell’Iraq. L’Onu: oltre 200k persone in fuga. Continua l’avanzata di Al Baghdadi. L’Onu dice: è una tragedia umanitaria. [CzzC: l’Onu non è capace di andare oltre bla bla, mentre fu capace di accusare il Vaticano di tortura; cosa t’aspetti che faccia se l’Onu se è principalmente sostenuta da Paesi alleati del wahhabismo adoratori della dea pecunia e principali acquirenti di armi US-UK, intentati a sterminare cristiani in MO ben più dei loro tolleranti avversari tipo Assad, Saddam, Gheddafi, e perfino Hamas?]

23/07
2014

<Ansa>:  infibulazione obbligatoria per tutte le donne del califfato: lo prevede un 'decreto' promulgato dall'autoproclamato 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi ma la cui autenticità non può essere verificata. Lo Stato islamico si estende da Aleppo in Siria a Mosul in Iraq. Il testo, che presenta numerosi errori tipografici, si basa su presunti detti attribuiti al Profeta Maometto e afferma che "per proteggere lo Stato islamico in Iraq e nel Levante e nel timore che il peccato e il vizio si propaghino tra gli uomini e le donne nella nostra società islamica, il nostro signore e principe dei fedeli Abu Bakr al Baghdadi ha deciso che in tutte le regioni dello Stato islamico le donne debbano essere cucite".

22/07
2014

<Avvenire>: i fanatici jihadisti dell’Isis che sterminano cristiani nel loro califfato come mai prima nella storia era stato fatto colà, sono sostenuti da Paesi della penisola arabica cui sono legati dalla comune ideologia wahhabita, la stessa che partorì al-Qaeda. Con l’Isis il terrorismo islamico sta diventando un fenomeno di massa, e un certo Occidente si guarda bene dal chiedere conto a un Paese come l’Arabia Saudita, alleato degli US, strategico per il petrolio e per l’acquisto di armi marcate US.

21/07
2014

<lastampa> si chiamava Mahmoud Al 'Asali, docente di legge all’Università di Mosul: ha avuto il coraggio di schierarsi contro la pulizia etnica dei cristiani: i miliziani dell’Isis lo hanno ucciso ieri. E han fissato in 450$/mese la jizya.

20/07
2014

Iraq: i miliziani dell’ISIS hanno segnato le loro case con la N di Nasara (=cristiani): andate o convertitevi o pagate la jizya; hanno tolto l’acqua ai villaggi cristiani che sono sotto la protezione curda; il Papa invoca ancora per loro all’Angelus [CzzC: mentre prego col papa, mi sconforta l’inerzia dell’ONU: che fanno? Sono impegnati ad accusare il Vaticano di tortura?]

19/07
2014

<Avvwenire.p13> adultera lapidata in piazza, califfato dell'orrore; La violenza, denunciata dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani, sarebbe avvenuta a Raqqa/Siria. Si tratterebbe del secondo caso nel giro di ventiquattro ore.

18/07
2014

Califfato e patto di Omar: umiliazioni codificate per i cristiani, trattati con condizioni vessatorie e umilianti che intendono ricordare continuamente la loro condizione di inferiorità <Camille Eid giornalista libanese>.

05/07
2014

Proclamazione dello Stato islamico: <ilfattoq> il 5 luglio Abu Bakr al Baghdadi, proclama la nascita dello Stato islamico durante un sermone tenuto nella principale moschea di Mosul, di cui sono state diffuse le immagini su alcuni siti jihadisti.

27/05
2014

Tra i jihadisti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) più di due terzi sono di origine europea; l’allarme arriva dal Times, che ha ospitato la lettera di Abduelellah al-Basheer, uno dei leader della Free Syrian Army, la principale delle forze di opposizione al regime d’Assad, nemmeno lui, in verità, uno stinco di santo: il generale conferma ancora una volta la terribile verità su tanti ribelli che da mesi si sono radunati in Siria: i più arrivano da Gran Bretagna, Francia, Germania, Belgio

02/05
2014

Papa: "ho pianto" per i cristiani crocifissi in Siria:"Anche oggi c'è questa gente che, in nome di Dio, uccide, perseguita" e "in alcuni Paesi, soltanto per portare il Vangelo, vai in carcere". (+Tempi, Repubblica, Sussidiario, e altre fonti)

30/04
2014

Tempi.it>: I cristiani sono i nuovi ebrei. Ambasciatore israeliano all’Onu: «Nell’ultimo secolo un altro esodo, determinato da un’epidemia di persecuzione, ha travolto il Medio Oriente svuotandolo della sua popolazione cristiana».

09/12
2013

<adnkronos >: Fonte Fbi, Usa e Nato addestrano milizie contro Assad da maggio presso Hakkari, nel sud est della Turchia, vicino al confine siriano. Ciò ha svelato un'ex impiegata dell'Fbi, Sibel Edmonds, citando fonti turche e statunitensi.

23/03
2012

<AsiaNews>: Mosul: ancora sangue cristiano, ucciso un fotografo 45enne. Salman Dawoud Salman che era stato rapito quattro giorni prima; Mosul è diventata una roccaforte sunnita, legata all’Arabia Saudita. L’obiettivo è creare uno Stato islamico [CzzC: che purtroppo diverrà realtà terrificante]