SPENDING REVIEW: dagli enti inutili agli sprechi assurdi ...

il web è pieno di esempi per la povera Italia parassitata dai furbetti adombrati dai potentati. Qui solo qualche flash. La spesa pubblica italiana

- nel 2012 fu di 801G€ pari al 51,2% del PIL (in Germania è 45% del PIL), di cui 48G€ in conto capitale (investimenti x strade, scuole ...); degli altri 753G€ di spesa corrente: 86,7 interessi, 311 prestazioni sociali in denaro (pensioni), 165 stipendi, 89 consumi amministrativi. In % la spesa pubblica italiana 2010-2013: 9% interessi; 30% pensioni; 13% sanità; 10% pubblica istruzione; 17% giustizia ordine pubblico difesa, territorio

- nel 2015 830G€ 8,4% interessi, 40% pensioni&assistenza; 20% pubblico impiego, 15% acq beni e servizi

[Pagina senza pretese di esaustività o imparzialità, modificata 09/05/2018; col colore grigio distinguo i miei commenti rispetto al testo attinto da altri]

Pagine correlate: pletorica pubblica dipendenza e amministrazione

 

2018.05.05 <tempi> Ora gli eroi anticasta invocano i costi standard, ma sono loro che li hanno affossati; il Corriere e Gian Antonio Stella hanno passato anni a demolire il federalismo fiscale e ora restano a bocca aperta davanti alla “babele dei costi negli ospedali - da 7 a 18 euro per lo stesso menu

 

↑2018.02.04 <twimg> i partiti italiani nel 2011 hanno incassato 189 M€ di rimborsi elettorali. In Germania il tetto massimo di finanziamento ai partiti è fissato in 133M€ (e la De ha 82,8/60,2=36% di abitanti in più dell’Italia); in Fr max 75M€ di spesa partiti, max 38k€/candidato contro i 52k€/c in Italia. Sp 45M€, Uk 10M€.

 

↑2017.02.08 <fattoq>: il senatore Pd Renato Guerino Turano (consenziente il ministro Lotti) per ottenere 97M€ di garanzia statale pro golf Ryder Cup 2022 li infila nel decreto Salva risparmio: “emendamento inammissibile” dice Grasso, ma vedrai che si troverà un altro trucco pro golf in alterazione delle priorità e della spending review

 

↑2016.02.23 <corriere>: E. Marro commenta il Bilancio del sistema previdenziale italiano evidenziando che c’è un altro sistema previdenziale con ~30.000 pensioni che rappresentano un mondo privilegiato, che la politica tiene al riparo dalle riforme che negli ultimi 25 anni hanno invece tagliato la previdenza dei comuni cittadini.

 

↑2016.02.22 [CzzC: danni Nato: lo sai che la NATO costa all’Italia 25G€/anno (70M€/giorno)? Ringraziandola per averci tutelato nel periodo di guerra fredda, potremmo iniziare ad applicarle spending review anche per indurla a cambiare rotta rispetto a quella sulla quale da alcuni decenni ci causa gravi danni assecondando ciecamente gli USA in follie geo-strategiche con stragi di innocenti: continua]

 

↑2015.12.24 <bussolaq>: alla "scuola di Bologna" un regalo da PDabbo-Natale di 3M€? L'enorme somma (pro scienze religiose tramitata dal Miur col 115 bis della legge di stabilità appena licenziata) potrebbe non sfuggire al controllo di Alberto Melloni, tifoso di quell'ermeneutica di rottura del CV2° denunciata da Benedetto XVI, mai amato da Melloni: questi, direttore della Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII di Bologna, è diventato consigliere di fiducia del Ministro Istruzione Stefania Giannini. [CzzC: vista la sanguisuga PA, non si potevano dare 1M€ alla spending review e 1M€ a ben maggiori priorità? E non parrebbe il solo insulto alla spending review: continua]

 

↑2015.08.24 <news-republic> Esempio di sprechi alla Camera dei Deputati: 63M€ di “rimborso delle spese sostenute dai deputati per l’esercizio del mandato parlamentare”; 15,9M€ legati a spese non specificate, ma inserite in generiche voci chiamate “altre” o “accessorie”;  6,5M€ per spese di pulizia; 1,6M€ per “trasporto e facchinaggio”; 1,4M€ per la sede decentrata in Vicolo Valdina a 6' da Montecitorio ad uso fotocopie e faldoni; 600k€ per docenti di inglese e di informatica; 515k€ per “traduzioni e interpretariato“; 40k€ per il servizio di lavanderia [CzzC: io lavavo a casa una camicia al giorno che usavo al lavoro]

 

↑2014.09.22 Indennità di funzione per aggirare tetto stipendi Parlamento con ben 11 sindacati complici: job act menu turistico a prezzo fisso e job a la carte già tutto prenotato anche a collaboratori

 

↑2014.04.24 E’ almeno la terza volta in 10 anni che proposta l’abolizione del carrozzone ACI doppione di servizi (vedi PRA), e di poltrone (ne ho toccate in trattativa bancaria, per non parlare di sponsorizzazioni Touring, grondanti simboli e linguaggio dei potenti labari) e ridondanza di spese per ~200M€/anno. Pareva che Renzi riuscisse a tagliare. Nemmeno stavolta. Solo potenza della lobby auto o di qualche altra lobby nominata dal Papa, cui perfino il cattolico Lupi cede? 106 comitati provinciali, ognuno con 5 consiglieri di amministrazione, un direttore e 3 revisori contabili: quasi 900 poltrone, tutte remunerate con sporadiche eccezioni; più gli organi centrali, con un presidente (236k€/anno), tre vice (106k€ ciascuno) e il segretario generale (~300k€). Cifre a cui aggiungere 70 dirigenti che guadagnano da 90k€ a 200k€, quasi 50k€ annui di indennità dei componenti del Consiglio generale e altri 18k€ per quelli membri del Comitato esecutivo. Un carrozzone che spende 130M€/anno per 3k dipendenti e al quale la politica ha sempre guardato come a un giardino di casa piazzando accoliti, protetti e affiliati vari. Un feudo che, grazie a 1M di iscritti, ha anche un certo peso elettorale.(<Espresso)

 

↑2012.09.09 Qualche extracomunitario assistito con denaro pubblico fa (faceva) andirivieni aereo dal suo paese per ritirare la quota bimensile assegnata agli indigenti.

 

↑2012.07.05 P, mia parente, mi chiede se ho ricevuto anch'io la visita di un funzionario ISTAT col questionario speciale sulla famiglia. No. E lei: «era serio, munito di tessera e recapito telefonico comunale, onde accertassi che non fosse un intruso: debbo per una settimana annotare sul questionario ogni minima spesa, anka 'na ciopa de pam; poi tornerà». [CzzC: Secondo te in Germania sprecano così tante risorse pubbliche per indagini statistiche della specie?]

 

↑2012.01.05 Compilai online il questionario del censimento per una signora anziana che però dopo 40 giorni si trovò all'esterno della porta un avviso affisso da chi era passato per farle compilare il questionario a mano e, non avendola trovata, le ricordava il dovere dell'adempimento e dunque di telefonare per appuntamento. Chiesi al Comune in cosa avessimo sbagliato, ma non ebbi risposta.

 

↑2001.mm.gg Lavoravo all'organizzazione di una grande azienda in Provincia di ...; il capo mi passò da compilare il questionario ministeriale sulle grandi aziende: lo misi nel cassetto perché scadeva dopo due mesi; dopo 2 settimane me ne arrivò una seconda copia; dopo un mese mi chiamò al telefono un funzionario della Provincia: desiderava venirmi a trovare per aiutarmi a compilare il questionario:

- Czz: grazie, non si disturbi, mi arrangio

- Funz: ma ci sono alcune domande speciali, ad esempio a pag n e m

- Czz: apro il questionario e non trovo corrispondenza

- Funz: no, lei ha in mano il questionario ministeriale, prenda in nostro

- Czz: pensavo che le due copie fossero identiche, a prima vista ...

- Funz: no, nella nostra abbiamo inserito 4 domande in più, perché noi siamo una provincia autonoma ...

- Czz: non mi paiono domande difficili, potremmo fasarci al telefono ....

Insistette per venire. Quando venne nel mio ufficio non riuscii a trattenermi dal chiedergli se la nostra Provincia avesse così tante risorse da sprecare, onde rifare un questionario nazionale per aggiungere 4 domande: spero non solo per implicare l'uscita di un funzionario per relativa compilazione e raccolta.